Articles

I militari russi e siriani riattivano base aerea nel nord della Siria

Damasco, 25 gen (Prensa Latina) Le forze armate di Siria e Russia hanno riaperto la base aerea di Al-Jarah, situata nel comune di Manbej nel nord-ovest della provincia di Aleppo, circa a 400 chilometri a nord della capitale.

 

Il suddetto aeroporto è stato occupato dai terroristi nel 2013 e liberato dalle forze siriane con il supporto aereo russo nel febbraio 2017, e comprende 12 hangar per aerei ed una pista lunga quasi tre chilometri.

I tecnici e gli specialisti delle due nazioni hanno ripristinato gli impianti di illuminazione dell'aerodromo, essendo adatti a tutti i tipi di velivoli, mentre la sala comando è stata dotata di moderni sistemi di comunicazione e controllo.

Inoltre, sono stati ripristinati più di nove chilometri di fortificazioni, sono state organizzate la protezione del suolo e la difesa dell'aeroporto e sono stati schierati i sistemi di difesa antiaerea Pantsir I e Buk delle forze russe e siriane.

La riapertura ha incluso una solenne cerimonia alla presenza del ministro della Difesa siriano, il tenente generale Ali Mahmud Abas, e del comandante del gruppo di truppe delle forze armate russe in questa nazione levantina, il colonnello generale Andrei Serdiukov, e altri alti comandanti.

Allo stesso modo, c'è stata una parata militare congiunta delle forze russe e delle truppe speciali della 25° divisione dell'esercito siriano, comandate dal maggiore generale Suheil Al-Hasan.

 

Ig/fm