Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

Santiago di Cuba commemora gli eroi e rivive le pietre miliari della Rivoluzione

Santiago di Cuba, 2 gen (Prensa Latina) I primi giorni dell'attuale anno portano oggi a questa città ricordi e certezze di 58 anni di Rivoluzione trionfante e del compromesso con un lascito nel quale si basa la vita dei cubani. 

 
La partenza della Carovana della Libertà, che viene rieditata con bambini e giovani, realizzata dall'Esercito Ribelle in gennaio del 1959, è uno di questi momenti significativi di queste giornate e segna l'inizio di un percorso per una buona parte della geografia nazionale per terminare, come allora, il giorno 8 a L'Avana. 
 
Il punto di decollo fu l'antica Caserma Moncada, assaltata da Fidel Castro e giovani rivoluzionari il 26 luglio 1953 e convertito da cinque decadi in un centro scolastico. 
 
Un omaggio a Fidel Castro e Josè Martì, nel cimitero di Santa Ifigenia, Monumento Nazionale, fu il primo gesto delle autorità e della popolazione mettendosi in moto il 2017, in una mattina carica di allegorie perché entrambe sono baluardi della storia nazionale. 
 
Durante la notte del 31 dicembre, la festa alla bandiera unì le famiglie nella centrica Piazza Cespedes e rivisse una tradizione patriottica iniziata all'inizio del XX secolo dal primo sindaco repubblicano, Emilio Bacardì. 
 
Secondo una credenza popolare, quest’anno sarà positivo, perché la bandiera ondeggiò quanto necessario nel minuto giusto del transito da un anno ad un altro e con ciò aumentò l'ottimismo dei cubani.
 
Nella necropoli locale prosegue l'affluenza di persone di tutte le età e delle più diverse provenienze geografiche, includendo stranieri, che accorrono commossi davanti al monolito dove riposano le ceneri del Comandante in Capo Fidel Castro Ruz. 
 
Ig/mca