Agenzia di stampa latinoamericana Prensa Latina - Inicio

Condannano ex militari della dittatura di Pinochet in Cile

Santiago del Cile, 13 feb (Prensa Latina) Vari ex militari della dittatura di Augusto Pinochet hanno ricevuto oggi distinte condanne di carcere, a partire da prove contundenti su sparizioni, torture e morti. 

 
Il giudice speciale della Corte di Appello di Santiago, Alejandro Madrid, condannò l'ex procuratore militare Alfonso Podlech a sette anni di presidio per il sequestro e scomparsa dell'avvocato Jaime Eltit Spielman. 
 
Inoltre, il magistrato condannò a cinque anni ed un giorno di carcere gli ex ufficiali dell'Esercito Orlando Moreno Vasquez e Raul Schonherr Frias, come coautori del delitto. 
 
Inoltre, a tre anni ed un giorno a Libardo Schwartenski, impiegato civile dell'Esercito ed agli ex detective Hernan Quiroz e Daniel San Juan, in condizione di complici, in un fatto successo il 13 settembre 1973. 
 
Il giudice determinò durante il processo di investigazioni che Eltit Spielman, avvocato e militante della Gioventù Radicale, fu fermato a Santiago il 13 settembre 1973 da militari e trasportato al Reggimento Tacna. 
 
Poi fu portato a Temuco, sud del Cile, e confinato nel reggimento Tucapel, centro di torture nel quale radicava il fiscale Podlech. Ma si sono perse le notizie del suo recapito il 13 ottobre 1973. 
 
Nelle installazioni del reggimento si trovarono elementi per legare i detenuti, applicar loro elettricità ed altri tipi di tormenti. 
 
Lo Stato cileno dovrà pagare 300 milioni di pesos (circa 466 mila dollari) come indennità alla famiglia della vittima. 
 
Cifre ufficiali indicano che durante la dittatura di Pinochet (1973-1990) furono assassinate circa 3200 persone, c'è una lista di più di 1300 arrestati scomparsi e 33 mila cittadini sono stati torturati. 
 
Ig/ft