giovedì 25 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Cuba cerca di migliorare la produttività della terra e la qualità dei suoli

L'Avana, 17 ago (Prensa Latina) Con le modificazioni alla politica per la consegna in usufrutto di terre statali incolte, il governo cubano lavora oggi per migliorare la produttività della terra e la qualità dei suoli. 

 
Le menzionate modificazioni includono un incremento da 13,4 a 26,84 ettari per l’area massima da affidare alle persone naturali che la sollecitano per la prima volta. 
 
Inoltre, stabiliscono un minimo di 26,84 ettari per i solleciti con destinazione all’allevamento di bestiame e coltivazioni da realizzare in poli produttivi, hanno comunicato in una conferenza stampa. 
 
Garantire la sostenibilità dell’agricoltura risulta molto importante in un paese che ha meno del 25% dei suoli con livelli di produttività di prima e seconda categoria, secondo dati divulgati dal quotidiano Granma. 
 
In tale direzione, dette modificazioni pretendono assicurare lo sfruttamento della maggiore quantità di ettari possibili delle terre oggi incolte, evitare un uso sbagliato del suolo e la perdita della sua produttività, ha detto Eddy Soca, direttore di Suoli e Controllo della Terra del Ministero dell’Agricoltura (Minag), citato dal quotidiano. 
 
Il dirigente ricordò che fino ad ora potevano farlo solo le unità di base della produzione in cooperativa, le cooperative di produzione dell’allevamento di bestiame e di crediti e servizi, oltre alle fattorie statali di nuovo tipo con personalità giuridica. 
 
Ig/mfb 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE