martedì 23 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Bolivia ha presentato argomenti solidi nella richiesta marittima

La Paz, 12 dic (Prensa Latina) Il Vice Presidente boliviano Alvaro Garcia Linera, ha ribadito oggi che il Governo ha presentato argomenti solidi ed evidenze forti nella richiesta marittima contro il Cile, perciò i boliviani sono fiduciosi di una sentenza favorevole per la nazione andina-amazzonica.

Nel corso di una conferenza stampa, Linera ha rafforzato che il expresidente Carlos Mesa rimane il portavoce della procedura giuridica nella Corte Internazionale di Giustizia (CIJ secondo la sigla in spagnolo) all’Aia.

Ha anche sottolineato che, se l’CIJ favorisse la Bolivia nel processo, lo Stato dovrà stabilire nuove politiche per negoziare con il Cile in diversi aspetti.

‘Confidiamo, per la solidità dei nostri argomenti e dei nostri dati, che la sentenza ci favorisca. Se fosse così, quello ci costringa a negoziare con il Cile in termini geografici, commerciali e marittimi “, ha spiegato il Vice Presidente.
Il ministro degli Esteri boliviano Fernando Huanacuni ha recentemente riportato che si aspetta entro il 2018 la sentenza finale della Corte Internazionale di Giustizia su questo caso.
Dopo che la fase orale della richiesta marittima  si compia nei primi mesi del prossimo anno, l’CIJ ne ha un periodo di sei mesi a un anno per emettere una sentenza, ha puntato.

Secondo Huanacuni, il 21 settembre di quest’anno, ha concluso la tappa della richiesta scritta e nei primi mesi del 2018 si entrerà nella fase orale, che durerà almeno due settimane.
La Bolivia ha presentato una domanda nel 2013 a quel tribunale con l’obiettivo di che, il paese meridionale negoziasse l’uscita sovrana della nazione degli altopiani all’Oceano Pacifico.

La nazione sudamericana è nata come una repubblica nel 1825 con le coste del Pacifico, ma l’invasione cilena nel febbraio 1879 ha strappato 400 chilometri delle coste e 120.000 chilometri quadrati dei territori ricchi in minerali, che deriva la sua attuale condizione mediterranea.

omr/cdg

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE