venerdì 12 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Ultimo dibattito inconsistente tra i candidati presidenziali cileni

Santiago del Cile, 12 dic (Prensa Latina) L'ultimo ciclo dei dibattiti frontali tra i candidati presidenziali cileni, ha lasciato poco sapore dopo uno scambio calpestato da continue interruzioni dei presentatori.

Più di un’ora ed un po’ ha sembrato insufficiente per evacuare i dubbi dell’elettorato tra i programmi del senatore del centrosinistra Alejandro Guillier e l’ex-mandatario conservatore Sebastian Piñera, che andranno al ballottaggio la domenica prossima.

Più loquace, Piñera ha difeso i suoi postulati sotto la sua promessa elettorale, “Un Cile Migliore”, mentre il suo avversario, giornalista di formazione, ha cercato di accelerare la continuità nelle riforme dell’attuale Governo ma coi cambiamenti a un livello più alto.

Il magnate non è uscito dalla sua agenda di deragliamento sull’intera gestione quadriennale della sua successora, Michelle Bachelet, anche se Piñera è stato meno incisivo e si è mostrato conciliante con il suo avversario.

Le differenze riguardanti la questione cruciale dell’istruzione sono emerse nuovamente. A questo punto è stata l’occasione per citare il discorso mutevole di Piñera, che era il nemico dell’intera gratuità ed ora l’difende.
Allo stesso modo, i giornalisti hanno attaccato il fianco delle frasi di Guillier in cui lui appare come nemico degli imprenditori, quasi tutti nelle file del centrodestra ed aperti critici del legislatore.
Di 14 milioni di cittadini con diritto al suffragio, appena circa 6,5 milioni di persone sono andate alle urne nel primo scrutinio.

Secondo le correnti del centrosinistra, l’astensionismo potrebbe favorire Piñera, che gode di un enorme macchinario di mezzi, aderenti al suo straordinario potere economico.

È chiaro a prima vista, che l’intero centrodestra ha chiuso le fila per proteggere la candidatura del miliardario, però l’azione del centrodestra è quasi inutile. Il pericolo è un’eventuale unità del centrosinistra che darebbe a Guillier il 55% del appoggio degli elettori.

omr/ft

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE