mercoledì 24 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Eusebio Leal presenta una nuova edizione del diario di Carlos Manuel de Cespedes

L'Avana, 6 feb (Prensa Latina) Un'edizione commemorativa del diario di campagna di Carlos Manuel de Cespedes, il Padre della Patria, per il 150º anniversario della rivolta de La Demajagua, è stato presentato oggi qui dal dott. Eusebio Leal Spengler.

Il volume, intitolato “Carlos Manuel de Cespedes, el diario perdido”, consiste nella trascrizione e nella raccolta, secondo il manoscritto originale, delle note personali del patriota cubano nel periodo dal 25 luglio 1873 al 27 febbraio 1874, data della morte dell’iniziatore della lotta per l’indipendenza cubana.

La nuova edizione include anche correzioni alle precedenti, ed aggiunge documenti inediti e testi di riferimento per comprendere meglio le note del primo presidente di una Cuba armata.

“Cespedes ha scritto il diario in condizioni molto difficili, in piccoli fogli, a volte senza inchiostro, ha usato la matita, ha anche utilizzato abbreviazioni e frasi in latino, quindi la trascrizione ha richiesto un lavoro molto rigoroso”, ha spiegato lo storico de L’Avana.

Leal ha ricordato la storia del diario, dalla morte di Cespedes a San Lorenzo per mano delle truppe spagnole, che poi è passato attraverso diverse mani, la battaglia senza fine della vedova del patriota, Ana de Quesada, perché le fosse restituito, ed infine la sua comparsa in Spagna nel 1992.

Poi, ha ricordato, è stato fatto uno sforzo titanico per la sua pubblicazione, che è stata una prima edizione spagnola, che “arrivata a Cuba, io stesso l’ho consegnata al Comandante in Capo Fidel Castro, che dopo aver letto il diario mi ha spinto a metterlo in circolazione”.

“Deve essere pubblicato, il diario deve essere pubblicato”, mi ha ripetuto Fidel, consapevole dell’importanza del diario per capire una tappa trascendentale della storia nazionale”, ha ricordato lo storico durante la presentazione alla 27º Fiera Internazionale del Libro.

Leal ha anche fatto riferimento alla personalità di Cespedes, e come attraverso il diario si vede la relazione con i suoi contemporanei, e la difficoltà della guerra, che si è conclusa quattro anni dopo la sua morte senza ottenere l’indipendenza di Cuba.

L’edizione attuale include il prologo firmato dalla storica Hortensia Pichardo per la prima edizione del diario, e le parole pronunciate dal Ministro della Cultura, Abel Prieto, quando presentava la prima stampata a Cuba, nel 1992.

Lo Storico de L’Avana ha anche presentato “El camino de la desobediencia”, romanzo biografico del cubano Evelio Traba in cui Cespedes è il personaggio centrale, e narra con molta serietà i fatti conosciuti e verificati dalla storiografia sulla vita del patriota cubano.

Entrambi i volumi hanno il marchio delle Ediciones Boloña, casa editrice dell’Ufficio dello Storico de L’Avana, istituzione che Leal dirige da cinquant’anni.

Ig/omr/avs

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE