domenica 14 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Haydée Milanes conquista gli statunitensi con grandi temi cubani

Washington, 17 mag (Prensa Latina) Gli ascoltatori del concerto offerto negli Stati Uniti dalla cantante cubana Haydée Milanes sono rimasti con la voglia di ascoltare di più; lei è una delle molte figure dell'isola che condividono oggi la loro arte con questo paese. 

 
In compagnia del suo trio e con la sua voce melodiosa come arma per conquistare il pubblico, l’interprete è uscita ieri sera sullo scenario del Teatro Eisenhower del Centro John F. Kennedy per le Arti Sceniche in un concerto unico con temi propri e di riconosciuti compositori. 
 
Seduta al piano, in mezzo ad un’atmosfera intima, che ha affascinato i presenti, l’artista ha cominciato con una sua canzone, “En el muro del malecon”, e dopo ha continuato con “Libelula”, di uno dei musicisti cubani più conosciuti attualmente a livello internazionale, Descemer Bueno. 
 
“Sono molto felice di partecipare a questo incontro meraviglioso dove stiamo partecipando noi musicisti cubani e portando la nostra arte al pubblico statunitense, alla comunità latina”, ha affermato la cantante parlando del “Festival Arti di Cuba: dall’isola al mondo”. 
 
Come c’era da aspettarsi, non sono mancate le sue interpretazioni di temi antologici di suo padre, Pablo Milanes, cofondatore del movimento della Nueva Trova. 
 
Poi, Pablo Milanes ha interpretato come solista canzoni come “Matinal” e “Vestida de mar”, per poi continuare con sua figlia con altre canzoni a due voci, tra queste le conosciute “De qué callada manera” e “Yolanda”, questa ultima in coro con i presenti. 
 
Oltre a questo spettacolo, il festival ha incluso nella sua giornata di mercoledì il debutto del teatro, con la messa in scena di “Las amargas lágrimas de Petra von Kant” da parte della compagnia El Publico. 
 
 
Ig/mar

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE