mercoledì 17 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Incontro tra Daniel Ortega ed i vescovi segna orizzonte del dialogo in Nicaragua

Managua, 8 giu (Prensa Latina) Il recente incontro tra il presidente del Nicaragua, Daniel Ortega, ed i vescovi della Conferenza Episcopale, segna l'orizzonte del dialogo nazionale, ha commentato oggi la vice mandataria Rosario Murillo. 

 
“È stata una riunione importante, ringraziamo in primo luogo Dio, dopo i signori vescovi che hanno preparato l’incontro ed hanno partecipato”, ha affermato. 
 
Sono sicura, ha aggiunto Murillo, che tutti i partecipanti si sono riuniti per l’amore al paese, la fede in Dio e che si possano percorrere un’altra volta i cammini dell’affetto, dell’incontro, del perdono, della riconciliazione e soprattutto del bene comune. 
 
La vicepresidente ha esortato i suoi connazionali a non riempire i loro cuori di risentimento, di rancore e d’odio, bensì a cercare la capacità di amarsi, ascoltarsi e capirsi. 
 
La gerarchia cattolica ha fatto conoscere ieri che ha consegnato a Ortega una proposta che raccoglie i sentimenti di molti settori della società, e sta aspettando la sua risposta per decidere il futuro del dialogo nazionale. 
 
D’accordo col presidente dell’istituzione, cardinale Leopoldo Brenes, quando il mandatario risponda formalmente, la Chiesa convocherà al tavolo plenario del dialogo per analizzare il pronunciamento e pertanto la fattibilità di continuare le conversazioni. 
 
“Abbiamo esposto al presidente il dolore e l’angoscia del popolo davanti alla violenza sofferta nelle ultime settimane e l’agenda accordata nel dialogo sulla democratizzazione del paese”, ha puntualizzato. 
 
Mediatrice e testimone, la Chiesa ha sospeso il processo il mese scorso davanti alla mancanza di consenso tra le parti. 
 
Per il governo è una priorità abbordare il diritto della cittadinanza alla pace, al lavoro, alla sospensione della violenza e dei blocchi delle strade nel paese. 
 
Mentre settori oppositori respingono questi progetti ed insistono nel discutere una legge cornice che include l’anticipo dei suffragi generali, la non rielezione ed applicare raccomandazioni della Commissione Interamericana dei diritti umani, tra gli altri punti. 
 
Ig/lla 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE