martedì 16 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Nicaragua, riprende il dialogo nazionale per la pace

Managua, 25 giu(PrensaLatina) Il governo del Nicaragua e la cosiddetta Alleanza Civica per la Giustizia e la Democrazia (opposizione) hanno ripreso, nella giornata di oggi, il dialogo nazionale con l'obiettivo di superare la crisi socio-politica che, da circa due mesi, vive il paese.

 

I tre gruppi di lavoro, relativi alla verifica e alla sicurezza, al tema elettorale e giudiziario, hanno iniziato le sessioni, alle ore 10 locali, presso il Seminario Interdiocesano della Madonna di Fatima, ha reso noto la Conferenza Episcopale, mediatore e testimone del processo.

Secondo il Governo, la propria delegazione rinnoverà una proposta perstabilire, attraverso i comitati locali per la pace, la sicurezza e la riconciliazione, degli impegni e sistemi validi immediatamente applicabili.

 Tutto ciò, è stato spiegato, con l’obiettivo di frenare l’ondata terroristica di crimini, rapimenti, torture, vessazioni, minacce, intimidazioni, incendi di case e atrocità senza limiti, che minacciano la vita e la dignità delle persone.

 I due membri della Commissione Interamericana dei Diritti Umani (CIDH), invece, forniranno consulenza tecnica al gruppo di verificazione e sicurezza, incaricato di attuare l’accordo sulla fine delle violenze e un piano per la rimozione dei blocchi stradali nel territorio nazionale.

 La Chiesa Cattolicaha convocato il dialogo dopo l’invito del governo alle organizzazioni internazionali, come l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani e l’Unione europea, per seguire il processo di pace, come concordato in riunione plenaria.

 Il governo crede fermamente che il dialogo e la negoziazione siano l’unica soluzione pacifica alle divergenze, ha dichiarato il ministro degli Esteri del Nicaragua, Denis Moncada, durante la seduta del Consiglio Permanente dell’Organizzazione degli Stati Americani.

“Continueremo a lavorare per un dialogo con una partecipazione costruttiva, che conduca ad accordi consensuali, che rispetti l’ordine costituzionale a beneficio della pace, della sicurezza e della stabilità della nazione”, ha aggiunto.

 Il Nicaragua, dallo scorso 18 aprile, sta attraversando una crisi sociopolitica senza precedenti negli ultimi decenni.

 Una spirale di violenza è scoppiata nel mezzodelle proteste contro la riforma della previdenza sociale, successivamente abrogata, senza però fermare le manifestazioni, a cui si sono aggiunte altre richieste politiche.

Secondo gli osservatori, tali riforme sono servite da pretesto per lanciare un piano diretto dall’estero perdestabilizzare la nazione e provocare il rovesciamento del governo.

 mb/lla

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE