lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Comincia processo per accusa penale contro ex presidente Rafael Correa

Quito, 3 lug (Prensa Latina) La giudice Daniela Camacho ha cominciato ad analizzare oggi un’accusa privata contro l’ex presidente ecuadoriano Rafael Correa, presentata dall’ex legislatore Fernando Balda, per presunta associazione illecita e plagio.

Il caso è stato presentato alla Corte Nazionale di Giustizia (CNJ) da Balda e dal suo avvocato Felipe Rodriguez, ore prima di un’udienza per la revisione delle misure cautelari contro l’ex mandatario, che avrebbe dovuto presentarsi ogni 15 giorni presso questa stessa istituzione nonostante la sua residenza in Belgio.

Questa disposizione avrebbe dovuto entrare in vigore ieri, ma invece di viaggiare a Quito, Correa ha scelto di rivolgersi al consolato ecuadoriano nella nazione europea, fatto che per i suoi accusatori ha costituito una violazione.

“Nel momento che siamo accusatori privati, credo che segniamo una pietra miliare. Non soltanto è il primo processo penale di Rafael Correa, ma anche è la prima accusa privata contro di lui”, ha assicurato in brevi dichiarazioni alla stampa lo stesso Balda.

Secondo quanto ha avvertito, oggi Fernando Balda è stato riconosciuto come vittima dell’ex dignitario dalla giustizia ecuadoriana.

“Il nostro compito d’ora in poi sarà dimostrare con evidenze, in un’udienza, se si farà, che è autore del reato,” ha argomentato.

Balda inoltre difende l’idea che bisogna dichiarare prigione preventiva per Correa, per non presentarsi dinanzi alla CNJ a Quito, ed allo stesso tempo denunciarlo all’Interpol per la sua ubicazione e la sua cattura.

Balda, presunta vittima di un tentativo fallito di rapimento nel 2012, a Bogotà, dove si incontrava profugo della giustizia dopo essere stato condannato a due anni di prigione per ingiurie, è inoltre accusatore di Raul Chicaiza, Jessica Falcon e Jorge Espinosa, così come dell’ex direttore di Intelligenza della Polizia generale Fausto Tamayo, e dell’ex segretario Nazionale di Intelligenza Pablo Romero.
Intanto, ecuadoriani leali all’ex capo di Stato e i difensori della Rivoluzione Cittadina che ha guidato per 10 anni, considerano il processo attuale come parte di una persecuzione politica contro di lui.

Per esprimere sostegno all’ex dignitario, i suoi seguaci hanno convocato una grande marcia il prossimo 5 luglio ed hanno avvertito che staranno attenti per fare compiere le leggi ed i diritti dell’economista.

Ig/omr/scm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE