lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Ecuador contro posizione della Bolivia e del Venezuela a favore di Correa

Quito, 10 lug (Prensa Latina) L'Assemblea Nazionale dell'Ecuador si è manifestata oggi contro le posizioni dei presidenti della Bolivia (Evo Morales) e del Venezuela (Nicolas Maduro), che hanno criticato il processo giudiziale contro Rafael Correa, considerandolo una persecuzione politica. 

 
Mediante una risoluzione, adottata con la maggioranza di 85 voti, il Parlamento ha considerato che le espressioni di entrambi i dignitari tentano di esercitare una pressione per ledere il principio di sovranità. 
 
Inoltre, il testo sottolinea che Ecuador è uno Stato democratico, sovrano e di diritto e chiarisce i principi di sovranità ed autodeterminazione del paese. 
 
Su questa stessa linea, sollecita alla Funzione Giudiziale che continui il suo lavoro con indipendenza e con attaccamento alle leggi, senza pressione né ingerenza. 
 
“Respingiamo il sollecito della Procura dell’Ecuador di prigione preventiva contro l’ex presidente di questo paese, fratello @MashiRafael. Denunciamo politicizzazione della giustizia ecuadoriana ed ingerenza degli #USA in intenzione di imprigionare un innocente. Stiamo con te, fratello Correa, Vinceremo!”, ha scritto il capo di stato boliviano nel suo account nella rete sociale twitter il 4 luglio scorso. 
 
“Prima Cristina. Poi Lula. Ora Rafael Correa. Cessi la persecuzione contro i leader autentici della Nostra America. La Rivoluzione Bolivariana si solidarizza col popolo dell’Ecuador e con @MashiRafael (Rafael Correa)”,  ha detto da parte sua Nicolas Maduro lo stesso giorno. 
 
Durante il dibattito per avallare la proposta di risoluzione nel plenum ci sono stati criteri contrari. 
 
Rafael Correa è stato vincolato al caso di sequestro dell’ex legislatore Fernando Balda, per presunta associazione illecita e su lui pesa un ordine di prigione preventiva ed una diffusione di allerta rossa dell’Interpol, perché “non si è presentato davanti alla Corte Nazionale di Giustizia”, ha sentenziato la giudice Daniela Camacho. 
 
Ig/scm 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE