martedì 16 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Cile al riscatto dei moais rubati dall’Isola di Pasqua

Santiago del Cile, 6 ago (Prensa Latina) Il Ministero dei Beni Nazionali del Cile intraprenderà azioni per recuperare le sculture moais che sono state rubate nell’Isola di Pasqua più di un secolo fa, incominciando con una che si trova a Londra. 

 
Come ha riportato l’emittente radio BioBio, il titolare del portafoglio dei Beni Nazionali, Felipe Ward, ha manifestato la sua disposizione a rispondere alla richiesta degli abitanti dell’isola polinesiana cilena, situata ad oltre 3000 chilometri da Santiago. 
 
D’accordo con la nota, nel 1868, dopo il passaggio dell’imbarcazione HMS Topaze da Rapa Nui (che è il nome nativo dell’Isola di Pasqua), i membri dell’Ammiragliato britannico hanno rubato un moai, che è stato regalato alla regina Victoria. 
 
Quindi è stato consegnato al Museo Britannico di Londra e da allora è in esposizione permanente. La statua in questione si chiama Hoa Hakananai’a, amico perso in spagnolo.
 
Misura 2,42 metri, è largo 96 centimetri ed ha un diametro di 47 centimetri. 
 
Il ministro Ward ha dichiarato ai mass media locali che oggi esistono le condizioni per “recuperare un moai che appartiene al popolo rapanui, maltolto in circostanze che sono discutibili e che ha una singolarità unica”. 
 
La fonte ha precisato che a dispetto di gestioni nel passato, il Regno Unito si è sempre rifiutato di restituirlo afferrandosi all’idea che Cile non contava su piani che assicurassero l’integrità e l’attenzione della statua. 
 
“È il più perfetto dei moais, poiché è stato intagliato in basalto e sulla sua schiena è stata cesellata la storia di tutta l’isola. Inoltre, ha alcune figure relazionate al culto dell’uomo uccello, il Tangata Manu”, ha commentato l’avvocato Mata-UÂ irpe Atan, che dirige il processo di reclamo. 
  
Mata-UÂ irpe Atan ha affermato che esistono 12 moais fuori da Rapa Nui, sei di questi in Europa e due in Inghilterra. L’altro si credeva che fosse a Liverpool, ma non è stato ancora localizzato. 
 
Inoltre, ce ne sono altri nel Museo del Louvre di Parigi, in Belgio ed a Viña del Mar, nello stesso Cile. 
 
Ig/ft

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE