venerdì 12 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Reti sociali diffondono trailer del film sul ballerino cubano Acosta

L'Avana, 11 set (Prensa Latina) Varie reti sociali riproducono oggi il trailer ufficiale di Yuli, un film ispirato sulla vita del ballerino cubano Carlos Acosta, che si presenterà nel Festival Internazionale del Cinema di San Sebastian, in Spagna. 

 
La 66º edizione della competizione avrà luogo dal 21 al 29 settembre ed una delle opere in competizione sarà il lungometraggio diretto dalla cineasta spagnola Iciar Bollain. 
 
Il film conta con un elenco artistico come Carlos Acosta, insieme a Laura De la Uz, Santiago Alfonso, Yerlin Perez, Carlos Enrique Almirante ed Andrea Doimeadios, tra gli altri attori. 
 
La compagnia del ballerino, Acosta Danza, partecipa anche al film elaborato su un copione dello scozzese Paul Laverty, due volte vincitore della Palma d’Oro, di Cannes, ed abituale scrittore delle realizzazioni di Ken Loach, direttore di televisione e regista del cinema britannico. 
 
Per il film in particolare Laverty si è basato sul libro autobiografico del ballerino, No Way Home (Sin mirar atras), benché il film non pretenda presentare un biopic. 
 
Il film si basa sulla relazione di Carlos e suo padre che è stata molto forte, molto speciale, rifletterà la vita del ballerino, ma l’asse centrale sarà la relazione di un padre con un figlio, ha anticipato alcuni mesi fa Bollain a Prensa Latina. 
 
Una previsione si è realizzata nella vita di Acosta, quella del padre, perché da bambino Carlos non voleva studiare balletto e, dopo, quando ha scoperto la sua passione per la danza, non aveva immaginato che arriverebbe ad essere uno dei migliori ballerini del mondo. 
 
Col presentimento che un giorno suo figlio si sarebbe trasformato in una personalità importante, Pedro Acosta ha battezzato Carlos col soprannome di “Yuli”, perché lo considerava discendente diretto di Ogun, un dio africano, un guerriero. 
 
La direzione di fotografia del film è stata di Alex Catalano e la colonna sonora di Alberto Iglesias, mentre Maria Rovira ha creato le coreografie per l’opera che competerà per la Conchiglia d’Oro nel festival spagnolo. 
 
Il Festival di San Sebastian è catalogato come uno degli eventi culturali più prestigiosi di Spagna e dei paesi ispanofoni, in generale. 
 
Ig/msm 
 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE