domenica 14 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Forze armate messicane controllano le raffinerie per evitare furto di benzina

Messico, 8 gen (Prensa Latina) Il controllo da parte delle forze militari federali delle raffinerie di varie entità del Messico, e vigilanza dei dotti di Pemex per evitare il furto di benzina ed altri derivati del petrolio ha oggi una gran ripercussione nella popolazione. 

 
Al meno circa 4000 militari dell’esercito, della marina e di altre forze castrensi sono spiegati in tutta l’infrastruttura di Pemex, eseguendo ordini espressi del presidente Andres Manuel Lopez Obrador, che insiste che non si stancherà nel suo obiettivo di distruggere la corruzione dentro e fuori di Pemex e nel governo, ereditata da anteriori amministrazioni. 
 
È possibile che la quantità di militari che vigilano tutto il processo di produzione e distribuzione sarà aumentata nei prossimi giorni. Ci sono proteste in alcuni stati perché il cambiamento di distribuzione di benzina, specialmente mediante autobotti, ha colpito la fornitura. 
 
Questa situazione ha generato una campagna mediatica degli avversari del governo che assicurano, senza apportare prove, che c’è scarsità di benzina, fatto che ha smentito personalmente Lopez Obrador, che ha riaffermato che c’è sufficiente combustibile in tutto il paese e che sta cambiando solo la forma di distribuzione. 
 
Il presidente, ha segnalato che deve stabilizzarsi nelle prossime ore ed ha spiegato che c’è una vigilanza nelle stesse installazioni di Pemex sui dotti, perché hanno scoperto che benché i funzionari dell’entità sapessero che c’erano stati dei furti, li lasciavano aperti, e ciò dimostra che il furto si faceva da dentro, grazie ad una mafia molto poderosa. 
 
Si investigano anche i dirigenti del sindacato dei Petroli Messicani, perché si sospetta che hanno un ruolo importante nel furto, che rappresenta più del 10% di tutta la produzione di grezzo del paese e perdite al fisco di più di 60 mila milioni di dollari. 
 
 
Ig/lma 
 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE