mercoledì 24 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Diaz-Canel: medici cubani non potranno essere mai diffamati

L'Avana, 19 mar (Prensa Latina) Il presidente di Cuba, Miguel Diaz-Canel, ha affermato oggi che i medici dell'isola non potranno essere mai diffamati, per il loro lavoro umanista in diverse parti del pianeta. 

 
Il capo di Stato ha risposto così ad un articolo pubblicato il 17 marzo dal giornalista Nicholas Casey nel quotidiano The New York Times, nel quale si segnala che medici cubani presenti in Venezuela sono stati utilizzati, ipoteticamente, per fare pressioni sui pazienti nel voto a favore del presidente Nicolas Maduro nelle elezioni del 20 maggio scorso. 
 
“I medici cubani non potranno essere mai diffamati. La loro straordinaria opera umana in terre che l’impero chiama ‘oscuri angoli del mondo’, smentiscono il NYT ed il suo giornalista Casey”, ha precisato nel suo account in Twitter, nel quale ha 109 mila seguitori. 
 
D’accordo con Diaz-Canel, costituisce un crimine sponsorizzare la guerra di odio che il senatore repubblicano per la Florida Marco Rubio dirige contro Cuba e Venezuela. 
 
Rubio è stato uno dei politici statunitensi più attivi nella crociata che Washington dirige per tentare di imporre un cambiamento di regime nel paese sud-americano. 
 
L’articolo del The New York Times ha generato nelle ultime ore un forte rifiuto in Cuba, conosciuta nel mondo per la sua solidarietà, soprattutto quella dei suoi professionisti della salute. 
 
Il ministro della Sanità, José Angel Portal, ha sottolineato che nessun vero medico cubano nega il servizio e molto meno arrischia la vita di un paziente per ottenere fini politici. 
 
Portal ha ricordato che per 55 anni, l’isola ha offerto cooperazione sanitaria in più di 120 paesi, dove sono stati circa 400 mila lavoratori della salute. 
 
Ig/wmr

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE