mercoledì 24 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Bolsonaro attacca i manifestanti contro i ritagli educativi in Brasile

Washington, 15 mag (Prensa Latina) Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, ha qualificato di idioti i partecipanti nelle proteste che hanno oggi luogo nel paese sud-americano contro i ritagli preventivi nell'educazione annunciati dal suo Governo. 

 
In una visita alla città statunitense di Dallas, in Texas, il controverso mandatario ha respinto le manifestazioni che si realizzano nella sua nazione ed ha accusato gli studenti di “non avere niente nella testa” ed essere manipolati. 
 
Sono idioti utili, alcuni imbecilli che sono utilizzati come massa di manovra da una minoranza intelligente che compone il nucleo di molte università federali del Brasile, ha affermato il capo di Stato, citato dall’agenzia Reuters. 
 
Davanti all’annuncio di aggiustamenti, più di 70 università hanno confermato la loro adesione allo sciopero nazionale di questa giornata e la realizzazione di atti nelle capitale dei 27 stati del Brasile per respingere il ritaglio del 30% dei fondi all’educazione superiore. 
 
Nilton Brandao, presidente di uno dei maggiori sindacati dei docenti di educazione superiore del Brasile, ha detto all’agenzia Associated Press che il secondo semestre nelle università si vedrà danneggiato dovuto alla mancanza di finanziamento. 
 
Dal suo punto di vista, se la decisione non si cambia, è possibile che le università non possano aprire, ed ha considerato che il governo di Bolsonaro dovrebbe seguire il cammino dell’educazione dal 2014, anno in cui è stata implementata. 
 
Il presidente brasiliano ha detto oggi che desiderava non dovere applicare i ritagli, ma ha giustificato la criticata decisione con l’argomento che era legalmente obbligato a farlo, poiché sono parte di uno sforzo più ampio per diminuire tutte le spese del Governo. 
 
 
 
Ig/mar

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE