giovedì 25 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Venezuela denuncia nell’Alba aggressioni economiche degli USA

L'Avana, 21 mag (Prensa Latina) Il cancelliere venezuelano, Jorge Arreaza, ha denunciato oggi il blocco e le persecuzioni economiche imposte unilateralmente dagli Stati Uniti come parte delle aggressioni che cercano di abbattere il governo di Nicolas Maduro. 

 
Intervenendo nel XVIII Consiglio Politico dell’Alleanza Bolivariana dei Popoli della Nostra America-Trattato di Commercio dei Popoli (Alba-TCP), Arreaza ha denunciato che 1547 milioni di dollari dello Stato venezuelano sono bloccati in una Banca portoghese. 
 
La confisca dell’industria petrolifera Citgo è un altro attacco che pretende causare disturbi nel popolo venezuelano, ha aggiunto il titolare davanti ai suoi omologhi dell’Alba-TCP. 
 
Il ministro venezuelano di Relazioni Estere ha chiesto al meccanismo regionale fondato nel 2004 che denunci le minacce permanenti di qualsiasi indole contro Caracas. 
 
Da L’Avana facciamo un appello agli USA alla diplomazia, alla sospensione delle minacce militari e del blocco economico contro un paese sovrano, ha affermato. 
 
Il capo della diplomazia venezuelana ha manifestato che il popolo resiste, ma ha bisogno dell’appoggio incondizionale dell’Alba-TCP, soprattutto davanti ai governi dei regione complici con le politiche di Washington. 
 
È inaccettabile per le élite dominanti che un territorio così ricco come quello del Venezuela abbia un processo sovrano di liberazione, ha sentenziato. 
 
In un altro momento ha affermato che il governo di Maduro è anche stato vittima dell’ignoranza delle istituzioni, sabotaggi al sistema elettrico e molti altri problemi. 
 
Ha qualificato come “illegale” e “ridicola” l’auto-proclamazione dell’oppositore Juan Guaidò come presidente interino del paese. 
 
Il XVIII Consiglio Politico dell’Alleanza, conformato dai Ministri di Relazioni Estere di ogni paese membro, si svolge a L’Avana col proposito di approfondire l’accordo politico. 
 
Al progetto di Cuba e Venezuela si sono uniti in seguito Bolivia, Nicaragua, Dominica, Antigua e Barbuda, San Vicente e le Grenadine, Suriname, Granada, Saint Kitts e Nevis; e Haiti come paese osservatore. 
 
Ig/lbp 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE