martedì 23 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Salim Lamrani, ragioni per ricordare il padre della patria cubana

Parigi, 16 ago (Prensa Latina) I francesi questa estate hanno avuto l'opportunità di avvicinarsi alla storia del padre della patria cubana, Carlos Manuel de Cespedes, grazie agli articoli dell'accademico e saggista Salim Lamrani, che spiega le motivazioni per ricordarlo. 

 
Il quotidiano L’Humanité ha pubblicato le quattro parti del suo lavoro intitolato “Carlos Manuel de Cespedes, a nome della Libertà”, col titolo: “Breve storia del Padre della Patria cubana”, un materiale che è stato divulgato anche in altri mezzi. 
 
“Cespedes (1819-1874) simbolizza l’altruismo puro, un uomo che ha rinunciato ai suoi interessi di classe ed ai suoi beni personali, sostituendo la felicità di una vita familiare con i tormenti della guerra, per l’interesse superiore della nazione ed il benessere di tutti i cubani”, ha commentato a Prensa Latina in esclusiva. 
 
D’accordo col professore dell’Università de La Reunion, isola ubicata nel dipartimento francese di oltremare con lo stesso nome, l’eminente rimane nella storia come quello che vincolò la libertà dell’isola all’abolizione definitiva dello schiavitù. 
 
È anche importante sottolineare che è stato un essere umano fedele fino alle ultime conseguenze al suo principio “Indipendenza o morte” e che ha preso le armi contro l’oppressore spagnolo, senza nessuna esperienza militare, in condizioni di estrema avversità per liberare il combattimento contro una potenza infinitamente superiore, ha aggiunto. 
 
Per Lamrani, un’altra qualità preziosa rappresentata dall’indipendentista è quella di vivere e lottare senza rancori, a dispetto de “l’ingratitudine dei suoi concittadini nel potere”. 
 
Dopo intrighi e manovre per sostituirlo, la congiura contro il presidente della Repubblica in Armi si materializzò nel 1873 con la sua deposizione, ed anche in quelle circostanze ha deciso di opporsi ai confronti tra cubani per tentare di preservare l’unità e la rivoluzione. 
 
“I grandi processi di trasformazione sociale possono ottenersi solo con l’unione di tutte le forze favorevoli all’emancipazione umana. Il maggiore risultato della Rivoluzione Cubana è avere edificato una Patria libera e sovrana ed ha potuto ottenersi solo mediante l’unione di tutte le categorie favorevoli alla dignità dell’uomo”, ha concluso. 
 
Ig/wmr

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE