venerdì 12 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Presidente boliviano risalta l’unità nella lotta contro gli incendi

La Paz, 29 ago (Prensa Latina) Il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha risaltato l'unità del popolo e l'appoggio dei paesi amici nella lotta contro gli incendi, che colpiscono la regione della Chiquitania, nel dipartimento di Santa Cruz. 

 
“L’affetto dei nostri fratelli di popolazioni confinanti all’incendio ci fortifica ed incoraggia a continuare senza riposo in questa lotta che intraprendiamo uniti ed accompagnati dai paesi amici. Siamo un popolo degno e lavoratore, che si unisce per superare questa difficoltà”, ha detto il mandatario nel suo account in Twitter. 
 
In questa rete sociale, Morales ha anche assicurato che “la lotta contro il fuoco ci ha trovato uniti e decisi a preservare la nostra Madre Terra”. 
 
D’altra parte, ha ringraziato il suo collega argentino, Mauricio Macri, per l’invio di 200 brigatisti delle forze armate per appoggiare i lavori nella regione della Chiquitania. 
 
Anteriormente, ha ringraziato il suo collega peruviano, Martin Vizcarra, per l’invio di due elicotteri MI-171SH con sistema Bambi Bucket della Forza Aerea, con capacità di immagazzinare ognuno 3500 litri di acqua, per sommarsi all’operazione. 
 
L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) ha disposto di almeno 500.000 dollari per combattere gli incendi. 
 
Questo aiuto della FAO si somma ai 300.000 dollari donati dalla Banca dello Sviluppo dell’America Latina-CAF ed alle risorse destinate per la Banca di Sviluppo Interamericano (200.000), le Nazioni Unite (150.000) e dell’Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America (un milione). 
 
Il Governo della Bolivia affronta la crisi ambientale per terra e nell’aria con operazioni dell’aeroplano cisterna Boeing 747 Supertanker, considerato il più grande del mondo; 42 cisterne, cinque elicotteri, aerei da turismo e 209 veicoli per il trasporto di brigatisti e volontari che superano le 4000 persone. 
 
Negli ultimi otto giorni hanno spento l’85% dei focolai degli incendi, ha fatto conoscere inoltre il ministro della Difesa, Javier Zabaleta, che ha assicurato, che non è necessario dichiarare disastro nazionale perché lo stato boliviano ha tutte le risorse per rispondere all’emergenza. 
 
“Le grandi spese sono coperte dallo stato boliviano col nostro preventivo che abbiamo e le nostre proprie risorse, ma è benvenuto qualsiasi aiuto”, ha concluso. 
 
Ig/rbp

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE