lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Aggressione degli USA contro Cuba è frustrazione per il successo dell’isola contro la COVID-19

L'Avana, 11 giu (Prensa Latina) Il direttore generale degli Stati Uniti della Cancelleria di Cuba, Carlos Fernandez, ha detto oggi che le aggressioni statunitensi contro l'isola sembrano motivate per la frustrazione davanti ai successi dell’isola di fronte alla COVID-19. 

 
Nel suo account di Twitter il diplomatico ha scritto che l’urgenza del Dipartimento di Stato statunitense e dei politici anti-cubani di imporre punizioni alla nazione caraibica, sembra motivata per il fatto che stiamo per controllare la pandemia. 
 
Fernandez ha risaltato che i risultati positivi della maggiore delle Antille si sono raggiunti nonostante gli sforzi dell’amministrazione di Trump per distruggerla. 
 
In contrasto, ha aggiunto, la COVID-19 è fuori da tutti i controlli negli Stati Uniti, dove è possibile che si raggiungano le 200 000 morti nel mese di settembre. 
 
Mentre sta succedendo tutto ciò, Cuba si prepara per la tappa di recupero, grazie al suo sistema di salute centrato nel salvare vite e gli apporti dell’industria biotecnologica, concentrati nel proteggere la salute e non i guadagni. 
 
Tali baluardi hanno permesso alla nazione caraibica “completare le misure del governo e l’attuazione responsabile del popolo affrontando la pandemia”, ha affermato il cancelliere Bruno Rodriguez. 
 
Ieri, il consiglio dei Ministri di Cuba ha approvato il piano per il graduale recupero, sul quale rappresentanti del Governo annunceranno questo giovedì dettagli delle azioni ed il progetto, nel programma radio televisivo Mesa Redonda. 
 
Ig/kmg 
 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE