giovedì 18 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Celac e FAO vogliono evitare che COVID-19 divenga una crisi alimentare

Messico, 22 lug (Prensa Latina) L'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO) e la Comunità degli Stati Latinoamericani e Caraibici (Celac) cercheranno domani la forma di ostacolare che la COVID-19 divenga una crisi alimentare. 

 
Entrambe le istituzioni realizzeranno un seminario online, nel quale l’idea principale è conformare un’azione multilaterale con questo obiettivo, ha indicato questo mercoledì la Segreteria di Relazioni Estere del Messico in un comunicato stampa. 
 
Messico esercita la presidenza pro-tempore della Celac, e per questo dirige le gestioni dell’incontro virtuale. Secondo la FAO, per l’anno 2030, la fame in America Latina e nei Caraibi potrebbe colpire perfino a 67 milioni di persone. 
 
Addirittura senza considerare l’impatto della pandemia si potrebbe arrivare a questo disastro, mentre, secondo la Commissione Economica per America Latina ed i Caraibi (Cepal), la pandemia di COVID-19 porterà un aumento del 41% nella povertà estrema, fatto che comporta, durante il 2020, che più di 28 milioni di persone cadranno in questa condizione. 
 
La pandemia può causare una crisi alimentare che minaccia con farci perdere in pochi mesi quello ottenuto negli ultimi 20 anni di lotta per sradicare la fame nella regione, segnala la Cancelleria. 
 
Aggrega che la conferenza cerca di identificare opportunità concrete di azione multilaterale per ostacolare un’eventuale crisi alimentare nella regione e contenere qualsiasi retrocessione nella lotta per sradicare la fame. L’incontro si potrà seguire esclusivamente in forma virtuale. 
 
Per Messico parteciperà Marcelo Ebrard, Segretario di Relazioni Estere, come rappresentante della Presidenza Pro-Tempore della Celac. Inoltre Camila Zepeda, direttrice generale per Temi Globali nel Sottosegretariato per Temi Multilaterali e diritti umani della cancelleria. 
 
Ig/lma  

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE