lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Venezuela recupera la sede diplomatica in Bolivia

La Paz, 9 nov (Prensa Latina) Venezuela ha recuperato oggi la sua sede diplomatica nella capitale amministrativa della Bolivia, dopo essere stata saccheggiata da gruppi violenti durante il golpe di stato contro Evo Morales lo scorso novembre e la rottura dei rapporti.

Il presidente Nicolas Maduro ha dichiarato che il ministro degli Esteri, Jorge Arreaza, a capo della delegazione venezuelana che ha partecipato il giorno prima all’insediamento del presidente Luis Arce, ed il vicepresidente David Choquehuanca, hanno consegnato una lettera al governo chiedendo il permesso per il nuovo ambasciatore, Alexander Yánez.

Yánez, attuale vice cancelliere, è stato accompagnato anche dall’ambasciatore uscente Crisbeylee González e da movimenti sociali favorevoli al ristabilimento delle relazioni tra i due Paesi.

González ha celebrato il ritorno della rappresentanza diplomatica venezuelana ed ha ricordato che “nella nostra amata Bolivia siamo stati dichiarati persone non grate un anno fa ed oggi ritorniamo nella gioia e nell’abbraccio della gente”, ha diffuso Correo del Alba sul suo account in Twitter.

Allo stesso modo, ha sottolineato l’accompagnamento di Arreaza, che ha combattuto grandi battaglie a livello internazionale in tempi così difficili per la politica, il diritto e la diplomazia, prosegue il documento. D’altra parte, Isabel Vizcarra, coordinatrice dello spazio di riflessione e dibattito Café Semilla Juvenil, ha ricordato gli atti di vandalismo contro la sede diplomatica e le dichiarazioni del ministro degli esteri del regime golpista, Karen Longaric, per riconoscere il deputato dell’opposizione Juan Guaidó come presidente del Venezuela .

“Stiamo venendo a recuperare ciò che appartiene al Venezuela”, ha concluso Vizcarra.

Arce ha annunciato lo scorso 26 ottobre l’intenzione di riprendere il dialogo con la nazione bolivariana, interrotto dall’autoproclamata presidentessa Jeanine Añez.

I membri della delegazione diplomatica venezuelana in Bolivia sono rientrati nel loro paese il 17 novembre 2019, in una rottura implicita e temporanea nei rapporti tra i due paesi latinoamericani, a seguito del golpe di stato.

González, capo di quella missione per 10 anni, denunciò in quel momento la persecuzione permanente e progressiva a cui fu sottoposto tutto il personale dopo il golpe di stato.

“L’aggressione è così grande che hanno osato avvicinarsi all’ambasciata venezuelana per fare irruzione, il che costituisce una flagrante violazione della Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche”, ha concluso il diplomatico in quel momento.

Ig/nmr

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE