sabato 13 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Aumenta la tensione tra carovana di migranti e forze di polizia guatemalteche

Guatemala, 18 gen (Prensa Latina) Momenti di tensione si rivivono oggi al valico per Vado Hondo, dipartimento guatemalteco di Chiquimula, dove esercito e polizia ostacolano l'avanzata dei migranti honduregni.

Un recente rapporto del telegiornale di Guatevisión mostra la maggior parte della carovana, che impedisce il transito di camion attraverso il luogo, e le forze dell’ordine che avanzano in formazione di barricate per costringerla a tornare indietro per liberare il traffico.

La giornalista ha assicurato che se non lo faranno al più presto, la forza sarà usata nuovamente per “controllare la situazione”.

Il gruppo più numeroso di migranti honduregni rimane oggi detenuto a Chiquimula, dove ieri i membri della Polizia Civile Nazionale (PNC) e delle Forze Armate hanno chiuso loro la strada con percosse e gas lacrimogeni.

Le autorità guatemalteche stimano che 9.000 persone sono entrate irregolarmente venerdì scorso attraverso il confine di El Florido e la maggior parte rimane ora al chilometro 177 della rotta verso l’Atlantico, dove il traffico risulta praticamente bloccato.

In questo luogo, almeno quattromila migranti sono su un lato della strada e davanti a loro c’è una barriera fatta dalla polizia e dall’esercito; inoltre il personale dell’ufficio del procuratore generale, tratta di convincerli a tornare in Honduras, secondo i rapporti dell’Istituto per le Migrazioni.

Sempre all’ingresso del dipartimento di Zacapa, sul ponte Motagua, circa 400 agenti del PNC e 200 soldati chiudono il passo, e un altro contingente percorre il km 137, a Río Hondo.

L’Ufficio del Difensore Civico per i Diritti Umani ha rilasciato ieri una dichiarazione in cui esprime preoccupazione e allarme per il dispiegamento di contingenti di polizia per contenere i migranti e persino per l’uso della forza e dei gas lacrimogeni.

 

Ig/mmc

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE