martedì 23 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Il ministro degli Esteri cubano sottolinea l’umanismo dei medici dell’isola

L'Avana, 2 feb (Prensa Latina) Il ministro degli Esteri cubano, Bruno Rodríguez ha sottolineato oggi l'umanismo che spinge gli operatori sanitari dell'isola a mettere al servizio la loro professionalità a latitudini diverse. 

Sul suo account di Twitter, ha ricordato che più di 15.000 medici cubani si sono offerti volontari nel 2014 per unirsi al contingente di 300 professionisti che hanno affrontato l’Ebola in Africa occidentale.

Durante la COVID-19, le Brigate Henry Reeve rispondono con la stessa decisione e umanismo, ha sottolineato.

I membri di quel contingente hanno lavorato dall’inizio della pandemia in circa 40 paesi in America Latina e Caraibi, Europa, Africa e Medio Oriente, secondo una mappa che il ministro degli Esteri Rodríguez ha condiviso nel suo messaggio su quel social network.

Il lavoro svolto da questi professionisti ha meritato il riconoscimento dei governi e soprattutto la gratitudine delle popolazioni che hanno curato, nonostante si trovino ad affrontare una campagna di discredito promossa dagli Stati Uniti.

Nell’aprile del 2020, organizzazioni di solidarietà in Europa, principalmente in Francia, hanno chiesto al Comitato del Premio Nobel di assegnare questa distinzione al Contingente Henry Reeve, creato nel 2005 dal leader storico della Rivoluzione cubana, Fidel Castro.

La richiesta ha subito ricevuto il sostegno di forze politiche, movimenti di solidarietà, personalità di vari settori, scrittori, artisti, legislatori, funzionari pubblici e attivisti sociali.

Da più di 15 anni, le Brigate Henry Reeve hanno prestato servizio in altre emergenze sanitarie, tra cui l’epidemia di colera ad Haiti, inondazioni in Messico e Bolivia e terremoti in Cina, Indonesia, Cile, Perù e la stessa Haiti nel 2010.

 

Ig/evm 

 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE