venerdì 24 Maggio 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Si presenta un nuovo film sulla brutalità della dittatura in Cile

Santiago del Cile, 9 apr (Prensa Latina) La regista cilena Tatiana Gaviola presenta oggi in anteprima la sua produzione cinematografica più recente, "Mirada Incendiada", basata sul cosiddetto caso Quemados, che ha motivato le proteste contro la dittatura in Cile.

Il film racconta, dalla fantasia, gli ultimi mesi di vita del fotografo Rodrigo Rojas de Negri, che, insieme a Carmen Gloria Quintana, è stato bruciato vivo da esponenti della dittatura militare durante una protesta contro Augusto Pinochet.

 

“Quella notizia del 1986, con la ferocia intrinseca di decidere di bruciare vivi due giovani di 18 e 19 anni, è stato qualcosa che si è installato per sempre nella mia memoria e nella memoria collettiva”, ha detto Gaviola ai media specializzati.

 

Il film sarà presentato in anteprima su piattaforme digitali e, nel suo cast, include le performance di Juan Carlos Maldonado, Catalina Saavedra, Gonzalo Robles e María Izquierdo.

 

Il lavoro, che si è basato su indagini del contesto storico e interviste a parenti e conoscenti del giovane fotografo, evidenzia con tutta la validità gli atti brutali di quel periodo nella nazione sudamericana, come la violazione dei diritti umani.

 

“Mirada Incendiada” ha causato un impatto internazionale, principalmente negli Stati Uniti, dove viveva il fotografo assassinato e dove Quintana è riuscita a salvarsi nonostante le gravi ustioni e ferite.

 

Ig/chm 

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE