lunedì 15 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

La repressione in una città argentina provoca 170 feriti e 69 detenuti

Buenos Aires, 21 giu (Prensa Latina) Circa 170 feriti e 69 detenuti è il bilancio della violenta repressione ufficiale che continua oggi nella città nordoccidentale argentina di San Salvador de Jujuy contro i manifestanti contrari a una costituzione provinciale approvata ieri.

“L’eccessiva reazione della polizia ordinata dal governatore locale, Gerardo Morales, include l’uso di proiettili di gomma, alcuni denunciano che siano anche di piombo, gas lacrimogeni e veicoli speciali contro le proteste”, ha dichiarato a Télam, Pablo Jure, direttore del servizio di emergenze in questa città.
Gli atti repressivi contro il rifiuto del testo costituzionale, in particolare per legittimare la violenza, proibire le proteste e violare i diritti indigeni sulla proprietà della terra, sono stati criticati dal governo, dopo accusare Morales di essere l’unico carnefice.
“Lei”, ha risposto il presidente Alberto Fernández, “è l’unico responsabile di aver portato la nostra amata provincia di Jujuy a questa situazione limite, cercando di imporre una riforma costituzionale che non rispetta la Costituzione nazionale”.
Da parte sua, la vicepresidentessa Cristina Fernández de Kirchner ha invitato il governatore a fermare “la follia repressiva che le sue stesse azioni scatenano. Quanto sta accadendo nella Provincia di Jujuy è di sua assoluta responsabilità e lei lo sa. Sembra – ha sottolineato – che la repressione selvaggia sia nel suo DNA e lo ha imparato nel passato”.
Le accuse dell’ex presidentessa alludevano al fatto che Morales sia stato un alto funzionario del governo dell’ex presidente Fernando de la Rúa, che interruppe il suo mandato nel dicembre del 2001, dopo aver ordinato una repressione che causò 38 morti.
Le repressioni della polizia in questa demarcazione sono continuate dall’inizio dello sciopero il 5 giugno, ma sono peggiorate sabato con decine di feriti gravi, tra cui un adolescente che ha perso un occhio dopo essere stato colpito, mentre un turista è stato picchiato e detenuto illegalmente.
I leader dei manifestanti hanno annunciato che continueranno con le mobilitazioni, ora con più forza a causa della decisione dei legislatori provinciali di giurare sulla nuova Costituzione nonostante l’estrema violenza contro i manifestanti, alcuni dei quali hanno denunciato che la polizia ha sparato veri proiettili di piombo.

Ig/apb

#170 feriti #69 arrestati #argentina #repressione selvaggia #Gerardo Morales #costituzione illegale

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE