venerdì 19 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Cuba difende l’ordine finanziario a Parigi senza lo sfruttamento del sud

Parigi, 22 giu (Prensa Latina) Oggi Cuba ha invocato qui, con la voce del suo presidente, Miguel Díaz-Canel, un ordine finanziario internazionale che smetta di sprofondare i paesi del Sud nel sottosviluppo e di sottoporli al dominio di istituzioni obsolete.

Intervenendo al vertice convocato dalla Francia per un Nuovo patto finanziario mondiale, il presidente, che partecipa come presidente del G77 più Cina, ha descritto l’ordine attuale come ingiusto, antidemocratico, speculativo ed esclusivo.
Allo stesso modo, ha denunciato le conseguenze disastrose dell’attuale architettura finanziaria per i paesi in via di sviluppo, ed ha illustrato con esempi come il raddoppio del loro debito esterno nell’ultimo decennio e il fatto che hanno dovuto stanziare quasi 380 miliardi di dollari delle loro riserve per difendere le loro valute.
In condizioni così sfavorevoli, il Sud non può generare e accedere ai 4,3 trilioni di dollari all’anno di cui ha bisogno per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile nel restante decennio di azione, ha avvertito.
“I nostri popoli non possono e devono continuare ad essere laboratori di ricette coloniali e di rinnovate forme di dominio che utilizzano il debito, l’attuale architettura finanziaria internazionale e misure coercitive unilaterali per perpetuare il sottosviluppo e aumentare le casse di pochi a spese del Sud”, ha condannato.
Díaz-Canel ha partecipato a uno dei forum dell’evento, insieme al capo di stato ospite, Emmanuel Macron, ed ai presidenti del Sudafrica, Cyril Ramaphosa e della Colombia, Gustavo Petro, tra gli altri leader e personalità.
Secondo il leader cubano, lo scenario prevalente mostra che un nuovo e più giusto ordine internazionale è urgentemente necessario con la massima impellenza.
Ciò comporta, a suo avviso, la riforma delle istituzioni finanziarie internazionali, sia in termini di governance che di rappresentanza e di accesso ai finanziamenti, che tengano conto dei legittimi interessi dei paesi in via di sviluppo.
Nel XXI secolo è inaccettabile che alla maggior parte delle nazioni del pianeta continuino ad essere imposte istituzioni obsolete ereditate dalla guerra fredda e da Bretton Woods, ben lontane dall’attuale configurazione internazionale, ha sottolineato.
Queste entità sono progettate per trarre profitto dalle riserve del Sud, riproducendo uno schema di moderno colonialismo, ha sottolineato al Palais de la Bourse di Parigi.
Il presidente dell’isola ha anche chiesto, nella prima delle due giornate del vertice, un Nuovo Patto Finanziario Mondiale per una pronta e consistente ricapitalizzazione delle banche multilaterali di sviluppo, per soddisfare le esigenze del Sud.
Allo stesso modo, ha chiesto un aumento dei prestiti ufficiali per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e risorse aggiuntive sostenute con azioni concrete in termini di accesso al mercato, capacity building e trasferimento tecnologico.

Ig/wmr

#cuba #francia #Miguel Díaz-Canel #ordine finanziario internazionale #G77 più Cina
#Emmanuel Macron
 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE