mercoledì 17 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Forum di San Paolo dichiara Cuba Patrimonio Universale della Dignità

Il XXVI Incontro del Forum di San Paolo, che si è riunito a Brasilia per quattro giorni, ha deciso di dichiarare Cuba Patrimonio Universale della Dignità per aver mantenuto oggi la sua eroica resistenza contro il bloqueo statunitense.

“La dignità del popolo cubano è un esempio per tutte le nazioni ed i partiti popolari del mondo”, afferma nella sua Dichiarazione finale la 26ª edizione del Meccanismo di concertazione dei partiti e dei movimenti progressisti di 27 paesi dell’America Latina e dei Caraibi.
Nel testo, l’articolazione politica condanna ed esige “la revoca incondizionata del criminale e intensificato bloqueo economico, commerciale e finanziario imposto dal governo degli Stati Uniti contro il popolo cubano, da più di 60 anni, e chiediamo l’esclusione di Cuba dalla lista degli stati sponsor del terrorismo”.
Inoltre, il gruppo rifiuta “le sanzioni unilaterali contro Nicaragua e Venezuela e l’interferenza negli affari interni di questi paesi”. “Condanniamo l’applicazione delle 927 misure coercitive unilaterali criminali e l’assedio di Caracas”, sottolinea.
Il forum riferisce nella lettera che hanno la responsabilità storica di approfittare di questa seconda opportunità per avere in America Latina e nei Caraibi una maggioranza di governi composta da forze politiche e movimenti sociali progressisti.
Chiede di superare le differenze e costruire “la più ampia unità nella diversità dei partiti, dei movimenti sociali e popolari, dell’intellighenzia progressista e di sinistra all’interno di ogni organizzazione, ogni paese ed ogni continente”. “Continueremo insieme per l’integrazione regionale per far avanzare la sovranità latinoamericana e caraibica!”, ha sottolineato.
Ringrazia i partiti operai e comunisti del Brasile, “per aver organizzato questo evento trascendentale, la prima grande attività dopo la pandemia della COVID-19, sotto lo slogan di un’integrazione regionale per far avanzare la sovranità latinoamericana e caraibica”.
Descrive lo svolgimento dell’evento a Brasilia come un fatto politico e simbolico significativo, “proprio quando, attraverso la mobilitazione del popolo e la formazione di un ampio movimento per il salvataggio della democrazia brasiliana, hanno ottenuto una splendida vittoria elettorale e la nuova presidenza di Luiz Inácio Lula da Silva”.
Nel suo lungo comunicato, il forum esorta “ad unirci contro i tentativi di dividere il mondo tra Occidente e Oriente, tra noi e gli altri, che aumentano le animosità e ci portano ad un mondo di conflitti che mette in pericolo l’intera umanità”.
Ritiene che il multipolarismo sia essenziale per l’equilibrio di forze e interessi diversi che consente lo sviluppo dei paesi del Sud e “la nostra integrazione è importante, come regione di pace e crescita sotto forze progressiste e di sinistra, con proposte per affrontare i problemi globali”.

Osvaldo Cardosa, corrispondente di Prensa Latina in Brasile

#bloqueo #brasile #condanna #cuba #Forum di San Paolo #Patrimonio Universale della Dignità #Luiz Inácio Lula da Silva

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE