venerdì 12 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Cuba denuncia la responsabilità degli Stati Uniti nelle rivolte del 2021

banderas-cubanas-personas
L'Avana, 10 lug (Prensa Latina) Il quotidiano Granma, organo ufficiale del Partito Comunista di Cuba, pubblica oggi un articolo che denuncia la responsabilità diretta del governo degli Stati Uniti nei disordini dell'11 e 12 luglio 2021.

Ha evidenziato come cause l’inasprimento del bloqueo nel contesto della COVID-19 e perché individui e gruppi sono stati apertamente incitati e finanziati dal territorio statunitense a commettere violazioni della legge, che includevano atti di violenza, rapina, aggressione e assalto.
Il testo si basa fondamentalmente sul libro “Cuba, un fallito golpe morbido”, del Dottore in Scienze, Manuel Hevia Frasquieri, in cui definiva i violenti disordini di piazza dell’estate del 2021 come “una tipica operazione sovversiva segretamente diretta dalla CIA e dall’intelligence statunitense”.
L’esperto analista denunciò opportunamente che quanto accaduto allora faceva parte di una strategia finalizzata al cosiddetto cambio di regime, che mantiene validità negli approcci, negli obiettivi e nei compiti sul campo, in corrispondenza di programmi da oltre 400 milioni di dollari realizzati contro Cuba dal 2008, dentro e fuori del paese.
In accordo con le sue previsioni, -spiegava il testo- Washington fa appello alla menzogna ed al cinismo per includere Cuba in qualsiasi lista che la screditi, la isoli e le permetta di giustificare la sua politica di accerchiamento e soffocamento per cercare al più presto uno scoppio sociale.
Ha esemplificato che nel corso del 2023 ci sono stati più di 300 appelli dal territorio degli Stati Uniti e di altri paesi che incoraggiano l’azione contro il governo cubano, tutti volti a trasferire la percezione di uno scenario favorevole per rilanciare il tentativo di “golpe morbido” contro il governo cubano della nazione caraibica.

Ig/mpp

#11 luglio #cuba #denuncia #rivolte #giornale granma #responsabilità #usa

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE