giovedì 25 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Cuba ha denunciato la condotta manipolatrice dell’UE al vertice con CELAC

bruno-rodriguez
L'Avana, 10 lug (Prensa Latina) Il ministro delle Relazioni Internazionali cubano, Bruno Rodríguez, ha denunciato oggi la mancanza di trasparenza ed il comportamento manipolatorio dell'Unione Europea (UE) nella preparazione del III Vertice CELAC-UE.

Il ministro delle Relazioni Internazionali dell’isola ha sottolineato in un video condiviso su Twitter che questa azione mette seriamente a repentaglio il successo dell’incontro e la possibilità di raggiungere accordi definitivi.
Ha aggiunto che ci sono motivi di preoccupazione per il III Vertice dei Capi di Stato e di Governo della Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi (CELAC) e dell’UE, previsto per il 17 e 18 luglio a Bruxelles, poiché stanno cercando di imporre formati restrittivi e divisivi, che renderebbero impossibili discussioni dirette e trasparenti.
Il ministro insiste sul fatto che si intende anche nascondere il contenuto dei dibattiti alla stampa ed all’opinione pubblica ed organizzare unilateralmente forum paralleli alla nomina.
Ha anche spiegato che la parte europea decide da sola chi saranno i rappresentanti della regione latinoamericana e caraibica in questi eventi, una procedura che, oltre ad essere irrispettosa, crea le condizioni affinché questi forum diventino scenari di attacco contro i paesi membri della CELAC.
“Manca poco tempo, ma non è troppo tardi per evitare il fallimento”, ha sottolineato il capo della diplomazia della nazione caraibica.
Rodríguez ha sottolineato che il Vertice può e deve essere uno spazio di dialogo serio, partecipativo e plurale, che individui soluzioni per affrontare collettivamente, nonostante le differenze, le molteplici sfide globali.
In questo senso, ha sottolineato che Cuba si recherà al Vertice con spirito costruttivo e contribuirà a rafforzare, sulla base dell’uguaglianza e del rispetto reciproco, il dialogo e la cooperazione tra i due blocchi, a beneficio dei popoli di entrambe le regioni e del mondo.
Il ministro ha espresso la speranza che l’incontro consenta l’espansione della cooperazione reciprocamente vantaggiosa in settori ad alta priorità come il finanziamento dello sviluppo, la lotta al cambiamento climatico, la sicurezza alimentare e le energie rinnovabili, tra gli altri.
Significa che aspirano a un appuntamento in cui venga riaffermato il rigoroso rispetto della Carta delle Nazioni Unite, del diritto internazionale e dei postulati della proclamazione dell’America Latina e dei Caraibi come zona di pace.

Ig/mpp

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE