sabato 13 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Roma ha mutilato il diario di prete pedofilo, denunciano in Bolivia

Alfonso-Pedrajas-768x457
La Paz, 14 lug (Prensa Latina) L'opinione pubblica in Bolivia critica oggi il Dipartimento della Dottrina della Fede, che è accusato del fatto che un suo superiore abbia inviato da Roma con mutilazioni il diario del sacerdote pedofilo Alfonso Pedrajas.

“Chi era il capo che comandava da Roma? Luis Francisco Ladaria, un gesuita, è il prefetto, la massima autorità di quel luogo, fino a settembre di quest’anno (…)”, ha detto Pedro Lima, un ex membro dell’Ordine di Gesù.
Lima ha spiegato in un’intervista al canale statale Bolivia TV che Ladaria rimarrà nella carica di prefetto del Dicastero per la Dottrina della Fede (ex Inquisizione) fino al nono mese di quest’anno.
Martedì scorso, il Procuratore Generale dello Stato Plurinazionale, Juan Lanchipa, ha confermato che il diario di Pedrajas (alias Pica) è stato consegnato il 20 giugno dalla Compagnia di Gesù con cancellature di nomi, date e luoghi.
Pedrajas ha registrato in quel taccuino di aver commesso almeno 85 abusi sessuali su minori in America Latina, la maggior parte in Bolivia.
L’ordine dei gesuiti boliviano ha riferito in un comunicato diffuso alla stampa a fine giugno che il suo ufficio provinciale ha ricevuto il diario in busta chiusa da Roma tramite corriere.
È stato inviato dalla Curia generale della Compagnia di Gesù, che a sua volta l’ha ricevuto dal Dicastero vaticano per la dottrina della fede, si è appreso a suo tempo.
“Il MAE (massima autorità) di questo dipartimento deve farsi carico di questo delitto, perché ostacolare la giustizia, cancellare nomi, prove, testimonianze (…) è cosa molto grave”, ha insistito l’ex novizio diventato l’accusatore.
Nell’ambito delle sue denunce, Lima ha rivelato l’esistenza di un secondo diario di un altro prete pedofilo che ha commesso questi crimini nella città di Santa Cruz, e lo ha identificato come Luis María Roma Padrosa (Lucho Roma), ora deceduto.

Ig/jpm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE