mercoledì 24 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Il popolo del Messico ricorda il centenario dell’assassinio di Pancho Villa

Città del Messico, 20 lug (Prensa Latina) Il popolo del Messico ricorda oggi il centenario dell'assassinio di uno dei suoi figli più illustri e controversi, Pancho Villa, eroe indiscusso della Rivoluzione insieme ad Emiliano Zapata.

L’atto centrale, diretto dal presidente Andrés Manuel López Obrador, si svolgerà sul luogo del suo omicidio il 20 luglio 1923, a Parral, Chihuahua, dove gli assassini hanno sparato dozzine di proiettili contro la sua auto da un edificio, uccidendo quasi tutti gli occupanti all’istante.

Nel 1966 il suo nome fu posto in lettere d’oro alla Camera dei Deputati e nel 1976 le sue spoglie furono riesumate con decreto presidenziale e trasferite in questa capitale, venendo poi sepolte nel Monumento alla Rivoluzione.

Oltre alla cerimonia ufficiale, durante tutto l’anno, dedicata al centenario del suo assassinio, ci sono state attività per commemorare il detto anche Centauro del Norte, dove ha combattuto la sua battaglia rivoluzionaria, mentre Zapata lo ha fatto nel sud.

Uno dei principali è quello realizzato dall’Istituto Nazionale degli Studi Storici delle Rivoluzioni del Messico (Inehrm), che presenterà da oggi “Altre storie di Villismo”.

Ci sarà sua nipote Guadalupe Villa, per la quale la doppia condizione di storica e nipote del mitico capo della Divisione Nord ha significato una grande responsabilità all’interno della sua famiglia.

Il Ministero della Cultura sottolinea che il centenario sarà ampiamente celebrato a Parral, Chihuahua, con la presenza del presidente López Obrador.

Ig/lma

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE