giovedì 18 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Il presidente argentino ha esortato a difendere e rafforzare la democrazia

alberto-fernandez-3
Buenos Aires, 30 ott (Prensa Latina) Il presidente argentino, Alberto Fernández, ha esortato oggi a difendere e rafforzare la democrazia, quattro decenni dopo la sua restaurazione e 20 giorni prima del secondo turno delle elezioni generali in questo paese.

Il 30 ottobre 1983, dopo il terrore della dittatura (1976-1983), abbiamo nuovamente votato alle urne e siamo diventati protagonisti del destino del paese, ha scritto il presidente nel suo profilo sul social network Twitter.
È costato molte vite. Abbiamo il dovere di garantire la convivenza democratica nel rispetto reciproco nella diversità. In questo modo potremo realizzare la giustizia sociale che ancora dobbiamo a noi stessi, ha aggiunto.
Allo stesso modo, ha sottolineato che entro tre settimane i cittadini decideranno chi guiderà il futuro di questa nazione riferendosi al ballottaggio del 19 novembre tra il candidato dell’Unión por la Patria, Sergio Massa, e quello de La Libertad Avanza, Javier Milei.
Da parte sua, la presidente dell’Associazione delle Nonne di Plaza de Mayo, Estela de Carlotto, ha sottolineato l’importanza di continuare la lotta per la memoria, la verità e la giustizia, così come la ricerca di nipoti rapiti durante il regime militare.
Inoltre, ha messo in guardia dal rischio rappresentato da Milei, che, a suo avviso, “non ha alcuna qualifica per essere presidente”. “È un inganno, una farsa, del male supremo, con molto odio”.
Il 30 ottobre 1983, Raúl Alfonsín (1927-2009) fu eletto capo dello stato, dopo sette anni di dittatura che perpetrò crimini contro l’umanità, fece scomparire circa 30.000 persone e separò centinaia di bambini dalle loro famiglie.

Ig/gas

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE