lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Procura brasiliana chiede l’accesso ai dati privati relativi al golpe di stato

Brasilia, 3 nov (Prensa Latina) La Procura Generale brasiliana ha inviato una lettera a Eliziane Gama, relatrice della Commissione Parlamentare d'Inchiesta (CPI) sugli atti del golpe dell'8 gennaio, per chiedere l'accesso a dati riservati.

Tale richiesta della Procura Generale (PGR) è firmata dal coordinatore del Gruppo Strategico per la Lotta agli Atti Antidemocratici del Ministero Pubblico Federale (MPF), il Vice Procuratore Generale, Carlos Frederico Santos.
Il documento richiede l’accesso alle informazioni bancarie degli obiettivi dell’ICC e Frederico Santos sostiene che i dati sono essenziali affinché l’MPF possa continuare le indagini sul caso.
Secondo l’ufficio stampa della senatrice Gama, la richiesta è stata inviata alla segreteria della CPI e presto i dati dovranno essere trasmessi alla PGR.
Lo scopo è che si faccia l’indagine, dato che l’arbitro può solo suggerire prove e calcoli.
Preparato da Gama, il testo chiede il perseguimento di 61 persone, tra cui l’ex presidente Jair Bolsonaro (2019-2022).
Il contenuto chiede che Bolsonaro venga accusato dei reati di associazione per delinquere, di tentativo di abolire violentemente lo Stato Democratico di Diritto, di deporre un governo legittimamente costituito e di utilizzo di misure volte a impedire il libero esercizio dei diritti politici.
“La democrazia è stata attaccata. Le masse sono state manipolate con discorsi di odio. I miliziani digitali sono stati utilizzati per diffondere paura, squalificare gli avversari e promuovere attacchi al sistema elettorale”, ha denunciato Gama durante la lettura del rapporto.

Ig/ocs

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE