mercoledì 17 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Venezuela ha ribadito la propria protesta riguardo al chiaro obiettivo politico della CPI

L'Aia, 8 nov (Prensa Latina) Il Ministro degli Esteri venezuelano, Yván Gil, ha ribadito oggi il chiaro obiettivo politico di un gruppo di stati che nel 2018 hanno richiesto di esaminare le presunte violazioni dei diritti umani in Venezuela presso la Corte Penale Internazionale (CPI).

Questa revisione, richiesta dall’allora cosiddetto Gruppo di Lima, “intende utilizzare l’istituzionalità” di questo organismo per attaccare politicamente la Repubblica Bolivariana, ha affermato l’alto funzionario dichiarando questo mercoledì presso la CPI nella seconda udienza di appello.
Ha indicato che ciò è stato fatto sulla base di un’accusa “di crimini contro l’umanità mai commessi”.
Il ministro ha commentato che questi erano i tempi dell’ex presidente Donald Trump (2017-2021) con la sua strategia di cambio di regime, in cui tutte le opzioni erano sul tavolo.
Ha ricordato che contro Venezuela sono state imposte più di 930 misure coercitive unilaterali, che hanno avuto un impatto devastante sulla sua economia e sui diritti delle persone, come ha potuto verificare sul campo il relatore speciale delle Nazioni Unite.
Gil ha dichiarato che, per conseguenza alle misure, il reddito nazionale è stato ridotto del 99% e “non abbiamo ricevuto 242 miliardi di dollari che erano proprietà del popolo, come dimostrazione che non ci sono limiti nella ricerca dell’obiettivo prefissato contro Venezuela”.
La questione, secondo lui, è di fondamentale importanza perché tocca direttamente la credibilità della Corte Penale Internazionale.

Ig/jcd

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE