giovedì 18 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Ministra degli Esteri del Messico denuncia il traffico di armi provenienti dagli Stati Uniti

Città del Messico, 29 nov (Prensa Latina) La ministra degli Esteri del Messico, Alicia Bárcena, ha denunciato oggi in un forum interamericano che la proliferazione di armi da fuoco in mano a civili è intesa come traffico transfrontaliero non regolamentato, proveniente dagli Stati Uniti.

Ciò ha molte conseguenze sulla sicurezza pubblica che si traducono, tra le altre cose, in violazioni del diritto umano alla vita ed all’integrità personale, e vi sono ampie prove del modo in cui la disponibilità di armi influenza l’aumento della violenza.
Ha rivelato che le stime indicano che ogni anno 200.000 armi da fuoco vengono trafficate illegalmente in Messico dagli USA e questo fenomeno ha un importante fattore transfrontaliero (con gli Stati Uniti), poiché nel suo paese natale l’acquisizione di armi da fuoco da parte di privati è altamente controllata.
Ha denunciato che le imprese che producono e distribuiscono armi nel continente americano lo fanno senza pratiche che ne garantiscano la tracciabilità o che in qualche modo evitino la diversione verso i secondi proprietari, che l’informazione è nota ma ignorata e si astengono dal prendere misure per impedire la fine nelle mani di gruppi criminali.
Ha messo in guardia contro la disponibilità indiscriminata di armi da fuoco che incide sulla situazione sociale ed economica di molte famiglie, facendo sì che bambini e adolescenti perdano il padre e la madre.
Lo stato messicano ritiene che questa realtà debba essere presa in considerazione dalla Corte Interamericana affinché, concentrandosi sull’universalità e l’intersezionalità, analizzi le deplorevoli conseguenze che la violenza armata ha sul godimento dei diritti umani negli stati americani.

Ig/lma

#armi #Alicia Bárcena #messico #usa #traffico illegale

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE