venerdì 12 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Vicepresidentessa dell’Ecuador accetta di essere ambasciatrice in Israele

Quito, 28 nov (Prensa Latina) La vicepresidentessa dell'Ecuador, Verónica Abad, ha accettato oggi la missione affidatale dal presidente Daniel Noboa, come ambasciatrice in Israele.

Nelle dichiarazioni alla stampa, Abad ha affermato che rispetterà la costituzionalità dell’incarico, per non essere accusata di non aver adempiuto al suo ruolo.
Tuttavia, ha chiarito che se gli Stati Uniti non sono stati in grado di fermare il conflitto tra Israele e Palestina, è un compito difficile, ma che accetterà e che servirà come ambasciatrice a Tel Aviv.
Abad ha denunciato di essere stata vittima fin dalle elezioni di una campagna di decontestualizzazione e, riferendosi al suo rapporto con Noboa, ha insinuato che ci sia evidentemente un abuso nei confronti della vicepresidenza.
Questa settimana, diversi media locali hanno fatto eco della spaccatura tra Abad e Noboa, una situazione che il presidente andino insiste nel negare.
Lunedì diverse organizzazioni politiche e per i diritti umani hanno descritto la decisione di inviare Abad in Israele come un evento insolito nella politica estera dell’Ecuador.
Allo stesso modo, hanno avvertito che per nomine di questa natura si dovrebbe considerare che l’ente pubblico responsabile di “esercitare la leadership della politica estera è il Ministero degli Affari Esteri e della Mobilità Umana”.
Il 24 novembre Noboa ha concesso alla sua vicepresidentessa il ruolo esclusivo di collaboratrice di pace in Israele. Con questa decisione, Abad creerebbe un ufficio presso l’ambasciata ecuadoriana a Tel Aviv firmando il decreto esecutivo n.27.

Ig/nta

#Daniel Noboa #ecuador #israele #Verónica Abad #ambasciatrice

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE