mercoledì 17 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Titón e “Fresa y chocolate” torneranno a brillare all’evento cinematografico de L’Avana

L'Avana, 7 dic (Prensa Latina) Il cineasta cubano Tomás Gutiérrez Alea (1928-1996) e il suo pluripremiato film “Fresa y chocolate” (1993) torneranno a brillare al 44° Festival Internazionale del Nuovo Cinema Latinoamericano, che oggi mette in attesa gli spettatori e gli appassionati di cinema.

Sotto lo slogan di “Luz Verde: ¡Acción!”, domani venerdì aprirà le porte al mondo l’incontro con il meglio della settima arte della regione, in cui si onorerà questa icona della cinematografia cubana, commemorando il 30° anniversario della premier di questo capolavoro.
Riguardo al film, co-diretto con Juan Carlos Tabío, l’attrice cubana e compagna di vita del prestigioso regista, Mirtha Ibarra, ha sottolineato in esclusiva per Prensa Latina:
“Titón (come era conosciuto) diceva sempre che un film non rovescia un governo, ma aiuta molto nella comprensione degli individui, nel modo in cui possono ammirare o criticare la loro realtà, e io credo che “Fresa y chocolate” sia stato proprio questo”, ha espresso.
Ambientato a L’Avana alla fine degli anni ’70, “Fresa y chocolate” racconta l’amicizia tra il giovane Diego (Jorge Perugorría), un artista omosessuale, e David (Vladimir Cruz), uno studente di scienze politiche che mantiene un atteggiamento favorevole al sistema politico comunista.
Nonostante le differenze personali e ideologiche, entrambi rafforzano un sentimento di affetto nel tempo, mentre David viene coinvolto in una relazione con Nancy (Mirtha Ibarra), amica intima di Diego e vicina di casa, dedicata alla prostituzione.
Grazie alle magistrali interpretazioni degli artisti, innumerevoli momenti del film rimangono nella memoria; tuttavia vale la pena evidenziare il volto di Jorge Perugorría quando abbraccia Vladimir Cruz, una scena che, secondo gli esperti, costituisce un’icona del cinema cubano di tutti i tempi.
Il film è valso a Titón e Tabío il premio per la miglior regia, assegnato da questo festival, mentre Perugorría e Ibarra hanno vinto rispettivamente nelle categorie Miglior attore e Miglior attrice non protagonista. Oltre ai premi ricevuti in importanti festival internazionali, come il Premio Goya per il miglior film straniero di lingua spagnola.

Ig/amr

 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE