lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Integrazione regionale e rimozione del bloqueo contro Cuba sono stati proposti dal Messico agli Stati Uniti

GDFMYERXsAAkncn-768x575
Città del Messico, 5 gen (Prensa Latina) L'integrazione economica regionale di tutta l'America e l'eliminazione del bloqueo contro Cuba sono tra le sei proposte del Messico agli Stati Uniti per affrontare la crisi migratoria, ha rivelato oggi Andrés Manuel López Obrador.

Nella sua conferenza stampa mattutina al Palazzo Nazionale, il presidente ha così risposto ad una domanda sulla questioell’immigrazione e della situazione degli stranieri presente in Messico con i pericoli che comporta, come il recente rapimento di 32 migranti, la maggior parte venezuelani.
López Obrador ha spiegato che l’approccio del Messico agli Stati Uniti è l’integrazione dell’intero continente. Se è già stato dimostrato che il Nord America ha successo, perché non tutta l’America, ed è ciò che proponiamo a Washington e al Canada, perché ciò significherebbe regolarizzare la situazione dell’immigrazione.
Inoltre, bisogna essere molto realistici, non permettere lo sfruttamento dei lavoratori regolarizzati, a cominciare da quelli che lavorano negli Stati Uniti da più di 10 anni e non sono riconosciuti, ha aggiunto.
Abbiamo proposto, ha detto, qualcosa in cui ora vogliamo avanzare. Due cose: una, raggiungere un accordo con i governi vicini che hanno un buon rapporto con noi per poter applicare programmi di sostegno, in modo da poter lavorare insieme e lo stiamo facendo.
Due, il contenimento, cioè, fare in modo che i migranti si trovino più nel sud-est del Messico affinché non debbano attraversare il paese verso nord a causa dei rischi della criminalità organizzata e degli incidenti stradali, dovuti alle cattive condizioni dei camion.
Inoltre, regolarizzare almeno 10 milioni di messicani che lavorano onestamente negli Stati Uniti da più di 10 anni.
Sospendere il bloqueo economico e commerciale di Cuba e avviare un dialogo bilaterale, cancellarla dalla lista dei paesi terroristi, abbandonare queste paure e ammettere quale pericolo può rappresentare l’isola per gli Stati Uniti e per qualsiasi altro paese.

Ig/lma

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE