lunedì 15 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Cuba ricorda l’omicidio dei giovani a Tarará 32 anni fa

Tarara
L'Avana, 9 gen (Prensa Latina) Cuba ricorda oggi l'assassinio, 32 anni fa, di quattro giovani combattenti che difendevano le coste della nazione caraibica, evento noto come il delitto di Tarará.

In questa data, nel 1992, un gruppo di criminali attaccò la base nautica di quell’urbanizzazione nell’est de L’Avana, con l’obiettivo di rubare una barca e fuggire negli Stati Uniti.
L’attacco ha provocato l’omicidio dei combattenti Orosmán Dueñas (20 anni), Rafael Guevara (30), Yuri Gómez (19), mentre Rolando Pérez Quintosa (23) è rimasto gravemente ferito.
Gli ultimi due erano agenti della Polizia Nazionale Rivoluzionaria, accorsi in aiuto dei custodi della base nautica, precedentemente feriti e imbavagliati dagli assalitori.
Lo scopo dei sette aggressori era rubare una barca per raggiungere gli Stati Uniti e beneficiare della Legge di Aggiustamento Cubano, ma la fuga è stata ostacolata.
Le dichiarazioni dei sopravvissuti e l’azione coordinata delle forze dell’ordine e della popolazione hanno permesso l’identificazione e la cattura dei responsabili, che sono stati processati.
Per 37 giorni, Pérez Quintosa, 23 anni, ha lottato per la sua vita, ma con quattro ferite da arma da fuoco all’addome, è morto il 16 febbraio, nonostante gli interventi medici.
Il delitto ha sconvolto il paese, che ricorda l’omicidio dei quattro giovani come uno dei più atroci commessi a Cuba, incoraggiato dalla politica ostile degli Stati Uniti contro la Rivoluzione.

Ig/evm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE