venerdì 19 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

In Argentina le Madres de Plaza de Mayo invitano a partecipare allo sciopero

Buenos Aires, 23 gen (Prensa Latina) L'associazione argentina Madres de Plaza de Mayo ha invitato oggi a partecipare domani ad uno sciopero generale e ad una marcia verso il Congresso contro le misure del governo di Javier Milei.

Attraverso il loro profilo sul social network Twitter, le donne a cui sono stati sottratti i figli dall’ultima dittatura civile-militare (1976-1983) hanno invitato la militanza a scendere in piazza all’insegna dello slogan “Il paese non è in vendita, si difende”.
Inoltre, hanno espresso il loro rifiuto di un decreto di necessità ed urgenza e di un pacchetto di regolamenti presentato dal presidente per riformare od abrogare più di 300 leggi, conferire poteri legislativi all’esecutivo, privatizzare le aziende pubbliche e cambiare il sistema del lavoro, tra le altre disposizioni.
La mobilitazione, indetta dalla Confederazione Generale del Lavoro (CGT), inizierà alle 12:00, ora locale, e numerose organizzazioni sindacali, sociali e politiche hanno confermato la loro presenza, tra cui Abuelas de Plaza de Mayo, Hijos, Somos Barrios de Pie, l’Associazione dei Lavoratori Statali, la Centrale dei Lavoratori dell’Argentina (CTA) e la CTA Autonoma.
La Confederazione Argentina dei Lavoratori dei Trasporti e l’Associazione del Personale Aeronautico hanno annunciato la loro partecipazione alle azioni di protesta, motivo per cui i servizi di treni, autobus, metropolitana ed aerei saranno sospesi in diversi orari della giornata.
Allo sciopero ed alla manifestazione appoggiano anche i 20 partiti che compongono l’alleanza Unión por la Patria, tra cui il Justicialista e il Comunista, il Frente Renovador, la Patria Grande e il Conservatore Popolare.
Secondo la CGT, più di100 organizzazioni di tutto il mondo hanno espresso il loro sostegno alla lotta del movimento operaio argentino contro le politiche economiche promosse dal governo.

Ig/gas

 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE