lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Criticano la decisione di mantenere in carcere quattro Mapuche in Cile

carcel-1
Santiago del Cile, 14 feb (Prensa Latina) L'avvocata difensora di quattro membri della comunità Mapuche ha criticato oggi la decisione di un tribunale cileno di mantenerli in detenzione preventiva, nonostante la Corte d'Appello di Concepción abbia annullato le sentenze contro di loro.

Il 9 febbraio sono state revocate le condanne da 10 a 15 anni di carcere contro Ernesto Llaitul e di altri tre suoi compagni, per presunti collegamenti con un tentato omicidio ed un incendio doloso.
La Corte ha chiesto la ripetizione del processo, mentre la difesa ha chiesto un cambio cautelare per gli imputati, affinché potessero attendere in libertà il nuovo processo, cosa che è stata negata dalla Corte Orale di Los Angeles, con la motivazione di esseri considerati un pericolo per la società.
L’avvocata difensora, Josefa Ainardi, si è rammaricata che siano state scelte principalmente le argomentazioni della procura e della parte accusatoria.
“È palese il pregiudizio razziale che abbiamo sempre denunciato e che fa parte di tutto questo meccanismo delle istituzioni statali, non solo dei tribunali o delle procure”, ha detto Ainardi in una conversazione con Radio e Diario Universidad de Chile.
Secondo Ainardi si tratta di un’idea preconcetta che hanno tutti questi organismi e che si concretizza attraverso questo tipo di decisioni.
L’avvocata si rammarica anche del rifiuto di applicare la Convenzione 169 dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro sui diritti dei popoli indigeni, ratificata dal Cile nel 2009.

Ig/car

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE