domenica 21 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Si stima che durante la dittatura in Cile siano stati rapiti più di 20.000 bambini

Chile-marzo-1.11-1
Santiago del Cile, 1° mar (Prensa Latina) Si è svolto oggi, presso il Museo della Memoria e dei Diritti Umani di Santiago del Cile, il lancio della campagna internazionale per la ricerca dei minorenni rubati durante la dittatura.

L’iniziativa, della Fundación Hijos y Madres del Silencio (HMS) e dell’organizzazione Cheil Chile, è stata presentata nel contesto del quarto Congresso Internazionale sulle Adozioni Illegali ed il Traffico di Ragazze e Ragazzi, svoltosi nella capitale cilena.
Marisol Rodríguez, presidente della fondazione HMS, ha spiegato che lavorano da 10 anni ed in questo periodo hanno realizzato più di 300 ricongiungimenti familiari.
“Abbiamo bisogno che lo stato si faccia carico, che ci sia una politica di ricerca per risanare questo debito storico”, ha chiesto Rodríguez.
Da parte sua, la direttrice del museo, María Fernanda García, ha ricordato che la maggior parte delle madri vittime di questo crimine erano giovani provenienti dalle zone rurali e da famiglie vulnerabili.
“Qui siamo di fronte all’orrore dell’orrore”, ha detto, ritenendo che sia giunto il momento per noi, come società, di impegnarci nella ricerca di questi minorenni, stimati in oltre 20.000.
Al lancio della campagna hanno partecipato le vittime del furto dei propri figli; così come i cileni adottati in Svezia, diverse autorità governative, la Camera dei Deputati ed il Senato, nonché rappresentanti della società civile.
L’iniziativa, ora all’esame della Commissione Costituzione del Parlamento, si basa sull’esperienza argentina, dove sono stati derubati e rapiti molti bambini.

Ig/car

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE