giovedì 18 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

La polizia argentina ha attaccato artisti, registi e studenti

Buenos Aires, 15 mar (Prensa Latina) La polizia argentina ha arrestato ieri almeno tre persone ed ha usato gas lacrimogeni e manganelli contro artisti, registi e studenti riuniti davanti al cinema Gaumont della capitale.

I cittadini si sono mobilitati per denunciare licenziamenti, forti tagli alle spese legate al National Film Institute e tentativi del governo di Javier Milei di chiudere questa organizzazione e vendere la Gaumont.
Inoltre, hanno sostenuto la difesa della cultura, dei festival federali, delle scuole di cinema e di fotografia e della continuità delle piattaforme televisive.
Centinaia di persone hanno partecipato alla manifestazione e la polizia le ha attaccate nell’ambito di una forte operazione.
L’attore Leonardo Sbaraglia ha detto alla stampa che la manifestazione si stava svolgendo pacificamente quando le truppe hanno cominciato ad usare il gas.
“Hanno effettuato un’operazione come se fossimo stati carichi di fucili, non avevamo nulla”, ha dichiarato.
Manifestiamo in difesa del cinema argentino davanti a un luogo emblematico, dove escono film che non possono essere proiettati altrove, dove si difende un’arte che il mercato non sostiene, ha aggiunto.
Allo stesso modo, ha ritenuto che Milei “dovrebbe essere orgoglioso del cinema che abbiamo nel nostro paese”.
È un’industria fiorente, potente, rispettata in tutto il mondo. Fa parte della nostra bandiera, ha affermato.

Ig/gas

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE