venerdì 12 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

La ministra degli Esteri messicana sottolinea la sospensione della legge anti-immigrazione

Città del Messico, 27 mar (Prensa Latina) La Segretaria degli Affari Esteri del Messico, Alicia Bárcena, ha sottolineato oggi che, la legge SB4 dello stato statunitense del Texas, è considerata lesiva dei diritti umani dei migranti, e rimarrà sospesa fino a nuovo ordine.

“La Corte d’Appello del Quinto Circuito degli Stati Uniti ha respinto la mozione del Texas ed ha fatto riferimento all’amicus curiae presentato dal Messico in protesta contro la SB4”, ha detto la cancelliera in un messaggio pubblicato attraverso il suo account sul social network (ex Twitter).
Alicia Bárcena ha riferito il 21 marzo che il suo paese aveva inviato un amicus curiae (amico della corte) alla corte statunitense, che questo mercoledì ha esteso il blocco della controversa legislazione che autorizzerebbe le autorità del Texas ad arrestare e persino deportare i migranti privi di documenti.
Ha precisato che nel documento la nazione latinoamericana ha presentato i suoi punti di vista ed ha menzionato che il 26% della popolazione di questo territorio del paese vicino è di origine messicana ed anche il contributo che dà all’economia di questo stato.
In precedenza, il presidente Andrés Manuel López Obrador aveva descritto le norme come draconiane, ingiuste e contrarie ai diritti umani ed aveva affermato che il suo paese non avrebbe accettato deportazioni da parte del governo del Texas.
Secondo quanto riferito, due dei tre giudici della Corte d’Appello del Quinto Circuito, con sede a New Orleans, ieri sera hanno sostenuto l’idea di continuare a bloccare l’entrata in vigore dell’ordinanza e solo uno di loro ha sostenuto il criterio di metterla in vigore.

Ig/las

 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE