mercoledì 24 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Venezuela ha respinto la dichiarazione del Dipartimento di Stato statunitense

Caracas, 28 mar (Prensa Latina) Il Governo del Venezuela ha respinto oggi categoricamente la dichiarazione degli Stati Uniti in cui, a suo avviso, i leader dell'operazione contro il paese finalmente mostrano i loro volti.

Una nota ufficiale del Ministero degli Affari Esteri venezuelano denuncia che, come il proprietario di un circo, Washington “cerca di ignorare e delegittimare le prossime elezioni presidenziali” del 28 luglio.
Ha sottolineato che, data la solidità del sistema elettorale venezuelano, comprovata in più di 30 elezioni dal 1998, la Casa Bianca intende “minimizzare la partecipazione di 37 forze politiche” a livello nazionale, che coprono l’ampio spettro ideologico esistente in Venezuela.
La nota affermava che 13 candidati presidenziali erano stati registrati nel processo di nomina, di cui 12 identificati come oppositori.
Gli Stati Uniti, ha indicato, cercano di nascondere che sono state “le dinamiche interne dell’opposizione venezuelana” a finire per spiazzare i settori politici impegnati in azioni terroristiche, incostituzionali, antidemocratiche e violente.
Ha sottolineato che hanno ripetutamente dimostrato di “non avere intenzioni sincere di misurarsi elettoralmente davanti al popolo, ma piuttosto di esercitare azioni basate sulla garanzia degli interessi statunitensi” e dei cognomi dell’oligarchia venezuelana.
Venezuela ha rispettato pienamente non solo le norme legali e costituzionali per lo svolgimento delle prossime elezioni presidenziali, ma anche ogni punto dell’accordo firmato tra il governo legittimo e l’autoproclamata Piattaforma Unitaria, ha sottolineato.
Ha affermato che questo contrasta con il “sabotaggio permanente statunitense contro l’Accordo di Barbados e gli altri accordi ottenuti nei dialoghi diretti tra l’opposizione ed il governo della Repubblica Bolivariana.

Ig/jcd

 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE