martedì 28 Maggio 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Ratificano il carattere socialista della Rivoluzione cubana

L'Avana, 16 apr (Prensa Latina) Una riconferma del socialismo come cammino per difendere i diritti di Cuba, è diventata oggi la commemorazione della proclamazione del carattere socialista della Rivoluzione cubana, guidata dal presidente del paese, Miguel Díaz-Canel.

Numerosi abitanti della capitale hanno ratificato la loro disponibilità a morire per la rivoluzione degli umili, con gli umili e per gli umili, nello stesso incrocio tra calle 23 y 12, dove lo ha celebrato il Comandante in Capo Fidel Castro Ruz, 63 anni fa.
Era il 16 aprile 1961, davanti a una folla armata di fucili, convocata dal dolore e dall’indignazione provocati dai bombardamenti del giorno precedente contro gli aeroporti di Ciudad Libertad, San Antonio de los Baños e Santiago de Cuba, che hanno rappresentato l’anteprima dell’invasione di Playa Giron.
Poi si assistette ai funerali di sette vittime, e la data è considerata anche l’istituzione della Giornata del Miliziano ed uno dei momenti in cui fu forgiata l’idea fondatrice del Comitato Centrale del Partito Comunista Cubano.
E questo martedì il grido Viva Cuba libera! lanciato dal Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba, Díaz-Canel, è stato un appello a unire le forze per difendere il progetto sociale e promuovere la prosperità della Rivoluzione.
Liván Izquierdo Alonso, primo segretario del Comitato Provinciale del Partito a L’Avana, ha pronunciato le parole centrali dell’atto politico-culturale ed evocò il discorso di Fidel di 63 anni fa, che considerò un ordine di combattimento per difendere il trionfo rivoluzionario del 1959.

Ig/raj

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE