martedì 28 Maggio 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

In Brasile la richiesta di asilo di Bolsonaro all’ambasciata ungherese non verrà considerata

Brasilia, 24 apr (Prensa Latina) Il ministro Alexandre de Moraes, del Tribunale Supremo Federale (TSF) del Brasile, ha escluso oggi un possibile asilo diplomatico e fuga dell'ex presidente Jair Bolsonaro, presso l'ambasciata ungherese nella capitale brasiliana.

“Non ci sono elementi concreti che indichino effettivamente che l’indagato (Bolsonaro) intendesse ottenere asilo diplomatico per fuggire dal paese e, di conseguenza, danneggiare l’indagine penale in corso”, ha scritto De Moraes.
L’azione specifica del giudice era volta a verificare se l’ex militare, interrogato dal TSF, non avesse rispettato le misure cautelari, compreso il divieto di lasciare il paese.
Il magistrato ha deciso di archiviare il procedimento, ma ha mantenuto le disposizioni imposte al politico di estrema destra.
Bolsonaro è stato ospitato nella sede diplomatica ungherese dal 12 al 14 febbraio, e l’8 marzo è stato il bersaglio della cosiddetta Operazione Veritas della Polizia Federale riguardante il presunto tentativo di golpe di stato, perpetrato nel gennaio del 2023.
Durante l’investigazione, gli agenti federali hanno confiscato il passaporto dell’ex presidente nell’ufficio del Partito Liberale, per ordine di De Moraes, affinché non lasciasse il paese.

Ig/ocs

#asilo politico #Jair Bolsonaro #brasile #ambasciata ungherese #Alexandre de Moraes #procedimento archiviato

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE