martedì 28 Maggio 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

López Obrador definisce ingiusta la permanenza di Assange in prigione

Città del Messico, 26 apr (Prensa Latina) Il presidente del Messico, Andrés Manuel López Obrador, ha considerato oggi un'ingiustizia la permanenza in carcere del fondatore di Wikileaks, Julian Assange.

“Quello che gli stanno facendo è un’ingiustizia”, ha detto il presidente durante la sua consueta conferenza stampa dal Palazzo Nazionale, ricordando che i documenti per i quali resta incarcerato “sono stati diffusi dal New York Times, uno dei giornali più famosi nel mondo”.

“Alla fine, chi è che viene punito, che è già in prigione da anni, è Assange, e tutti gli altri vengono scagionati. E che bello, vero? Perché sostengono di aver esercitato la loro libertà di espressione, di manifestazione, ma con Assange non hanno applicato lo stesso principio”, ha denunciato il presidente.
Spero che lo rilascino, perché è come avere chiuso la libertà in prigione, ha sottolineato.

Dopo aver lasciato l’ambasciata dell’Ecuador a Londra, dove si è rifugiato per diversi anni, il giornalista australiano si trova in un carcere di massima sicurezza nel Regno Unito, a seguito di un mandato d’arresto emesso dagli Stati Uniti.

Gli avvocati del comunicatore, incriminato con accuse che potrebbero comportare fino a 175 anni dietro le sbarre, stanno cercando di esaurire tutte le vie giudiziarie nel paese europeo per fermare l’estradizione.

Ig/las

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE